Utente 214XXX
Salve, sono un ragazzo di 30 anni e da un paio di mesi circa soffro di due problematiche come l'assenza di eccitazione e la difficoltà ad avere un'erezione in presenza di una ragazza/donna. Queste problematiche sono del tutto nuove per me e sono molto preoccupato. E' terribile fallire quando sei accanto alla donna che desideri ed è difficilissimo riuscire a parlarne. Dopo aver chiuso una storia molto complicata durata 4 anni ma meravigliosa dal punto di vista sessuale, essendo tornato single ho tentato di avere rapporti sessuali con tre ragazze,la prima la conoscevo già e avevamo fatto sesso già molte volte e con lei non ho avuto nessun tipo di problema, mentre con le ultime due anche se mi piacevano fisicamente, è stato un disastro. Non avvertivo quasi per nulla l'eccitazione e nonostante una stimolazione del membro manuale e orale non c'è stata nessuna erezione. Con l'ultima ragazza che ho conosciuto ho deciso d'intervenire e mi sono fatto prescrivere del Cialis (10mg) dalla mia dottoressa. Ieri sera questa ragazza era a casa mia, seminuda nel mio letto, ci baciavamo ecc ecc avrei dovuto eccitarmi avrei dovuto avere un'erezione e invece nonostante avessi preso una pasticca di cialis tre ore prima nulla. Se invece provo a masturbarmi non riscontro nessun problema l'autostimolazione manuale produce una regolare erezione che riesco a manterene anche per 30/40 minuti. Ricordo che questi problemi di mancanza eccitazione e erezione ce l'ho da circa due mesi. Esistono farmaci o terapie che potrebbero essere più indicati per la mia situazione rispetto al Cialis? Grazie a tutti quelli che risponderanno dandomi un aiuto in questo momento difficile.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
quello che occorre è una diagnosi del perchè le accade quanto descrive e, sulla base di questo, una strategia terapeutica. un andrologo è in grado di discrimainare tra la possibilità di un problema fisico o psicologico.
in emtrambi i casi non mancherà di aiutarla.
cordialmente