Utente 214XXX
Gentili dottori,
a seguito di un incidente d'auto mi sono ritrovato con il setto e la piramide nasale deviati (stenosi quasi completa a sinistra: la rinomanometria rivela come valori 273 per la narice destra e 84 per quella di sinistra). L'otorino mi ha consigliato l'intervento di rinosettoplastica (il mio naso presenta una gobba ed è piuttosto lungo). Se in un primo tempo ero piuttosto deciso a farmi operare, per motivi legali (assicurazione, rimborso, ecc) ho dovuto rimandare l'operazione e ora mille dubbi mi assalgono. La mia paura (oltre alla classica: e se l'operazione va male?) è quella di fare un'operazione dove i benefici reali (respirazione, fattore estetico, ecc) sono molto minori rispetto ai rischi presi (anestesia generale, intervento in sè ecc). Secondo la vostra esperienza e professionalità, visti i valori della rinomanometria, voi consigliereste l'operazione? o posso raggiungere "un equilibrio" respiratorio anche senza? Scusate se mi sono dilungato nella spiegazione. Vi ringrazio anticipatamente!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Mauro Pagano
24% attività
0% attualità
12% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Egregio Sig.re,

l'intervento di rinosettoplastica, in mani esperte, è un'ottima soluzione in casi come il suo dove, a fronte di un dubbio estetico già preesistente al trauma (naso lungo e con gibbo), è sopraggiunto un disturbo respiratorio nasale sicuramente al trauma collegato (stenosi quasi completa).
E' molto più semplice raggiungere un equilibrio respiartorio se la deflessione settale fosse congenita: la persona ha tutto il tempo di imparare...un po' la stessa differenza tra un non vedente dalla nascita con un non vedente per trauma oculare a vent'anni.
Non avrei alcun dubbio a confermare la proposta del collega otorino.
Cordialmente