Utente 192XXX
Salve, sono un ragazzo di 29 anni e nell'aprile scorso ho subito un intervento di circoncisione e frenulectomia. Prima dell'intervento soffrivo infatti di fimosi serrata e frenulo breve (con problemi di eiaculazione precoce).
Dopo due mesi dall'intervento, cioè fino a giugno, pur non avendo avuto rapporti sessuali ho notato un notevole miglioramento dei tempi eiaculatori (durante la masturbazione), senza paragone rispetto al passato, cioè con una capacità di gestire il momento dell'eiacualzione mai avuta.

Da metà giugno, quindi due mesi e mezzo dopo,ho notato invece una spiacevole controtendenza con un aumento della sensibilità, non tanto del glande, quanto in corrispondenza della cicatrice (che è immediatamente dietro alla corona del glande). Mi sembra di notare anche un leggero arrossamento della zona, forse perchè la pelle in quel punto va proprio a sfregare contro la corona del glande.

Ora è da un mese che la sensibilità è maggiore, cercherò di sentire il prima possibile un andrologo, ma volevo chiedervi come mai una tale differenza di sensazioni rispetto ai primi due mesi e in sostanza da cosa possa dipendere. Non vorrei che la soluzione al problema eiaculazione precoce sia stata solo temporanea.

Vi ringrazio anticipatamente per la risposta.
saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

Lei va in controtendenza , generalmente dopo tale tipo di intervento si ha, quando sia ha, un miglioramento che tende a mantenersi nel tempo.

Le sue osservazioni vanno ora verificate sul campo con il suo andrologo , quello che l'ha operata.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 192XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio dottore per la rapida risposta,

be qui c'è un altro problema, perchè il chirurgo che mi ha operato non è un andrologo (ma mi è stato consigliato da uno specialista in andrologia) e,dopo i primi controlli di routine post operatori (quando ancora non manifestavo questi sintomi)mi consigliò per controlli futuri di farmi seguire da un andrologo, quindi non so se rivolgermi a lui per ottenere le risposte che vorrei.

Comunque riguardo ai problemi che sto avendo, ho letto da qualche parte che nei mesi immediatamente successivi all'operazione la sensibilità della zona potrebbe essere variabile..è un'osservazione che Lei mi può confermare in qualche modo?

cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Senta ora il suo andrologo in prima battuta .

Poi corretta la sua ultima osservazione anche se generalmente riscontriamo miglioramenti che si mantengono nel tempo.