Utente 509XXX
Egregi dottori,
circa 2 anni fa mi è stato diagnosticato un condiloma sull'asta del pene, che mi è stato asportato chirurgicamente. La pelle cicatrizzandosi aveva formato una piccola (circa 2 mm poco visibile) escrescienza. 2 mesi fa durante una visita di controllo dal mio dermatologo avevo fatto vedere la cicatrice al dottore, il quale mi ha detto che era una semplice ghiandola sebacea e me la bruciata. Dopo la bruciatura si è riformata una pallina dura anch'essa molto piccola di circa 1 mm di leggermente più chiara della pelle. Sono ritornato 1 settimana fa dal medico il quale ha eseguito un piccolo taglietto dove è uscito del liquido. La "pallina" ora è ancora presente ma è meno dura di prima. Il medico non è stato molto chiaro:mi ha detto che molto probabilmente è una ghiandola sebacea e di stare tranquillo.
Posso stare veramente tranquillo o devo farmi visitare da un altro dottore?
Le cicatrici post condilomi sono pericolose?
Rammento che la cicatrice e/o pallina è molto piccola e poco visibile.
Vi ringrazio anticipatamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Gentile utete,
dalla descrizione che fa del suo caso, in via telematica e non vincolante posso dirle che lal probabilità che si tratti di una lesione di tipo cicatriziale post-chirurgica è significativa: necessario il videat dermatologico per scoprirlo.

cari saluti
Dott. Luigi LAINO
Ricercatore Dermatologo, ROMA

[#2] dopo  
Dr. Claudio Bernardi
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2003
Gentile utente,
è possibile che durante il processo di riepitelizzazione (guarigione) del primo intervento si siano creati presupposti della formazione cistica che è apparsa in seguito. In questo caso conviene asportare la piccola cisti, altrimenti tenderà spesso ad infiammarsi.
saluti
Dott. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it