Utente 211XXX
buona sera, pochi giorni fa mi sono recato dal dermatologo per controllare alcuni nei, ne ha notato uno sulla caviglia sinistra un po irregolare che, secondo lui , è meglio togliere, cosa che farò settimana prossima. mi sono ricordato che circa 3 mesi fa giocando a calcetto sono caduto e mi sono un po " sbucciato" propio in quella caviglia, mi ricordo che anche il neo si era un po tagliuzzato ed è uscito un po di sangue. volevo chiedere, nella malaugurata ipotesi che questo nevo risulti maligno, il fatto che si sia tagliato può aver peggiorato la situazione? può essere che tagliandosi le cellule cancerogene siano entrate nel circolo sanguigno e andate chissàdove?. grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
no, il trauma non evoca trasformazioni maligne dei nevi.

saluti
[#2] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
lo so, ma intendevo dire, nel caso in cui a subire il trauma e il taglio sia un nevo maligno,questo fatto può aver provocato danni maggiori nel tempo ( tipo infiltrarsi nel circolo sanguigno e andate in metastasi prima) o non cambia la situazione? grazie
[#3] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
qualcuno può rispodermi??? grazie
[#4] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
perchè nessuno mi risponde?
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
gentile utente

torno a rileggere ora il suo consulto: si se un nevo è maligno (si chiama quindi Melanoma) il trauma parziale può complicare la situazione: sappia però che siamo nel solo ambito della teoria, ben sapendo che un melanoma si valuta solo e soltanto mediante spessore (valutazione istologica) e successiva stadiazione: non con altre ipotesi.

saluti
[#6] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
la ringrazio, un ultimissima cosa, quindi un precedente trauma del melanoma non cambia la normale valutazione dello stesso?..ad esempio, se risulta un melanoma preso in tempo, di poco spessore( meno di 1 mm) e poco infiltrato, il dermatologo e oncologo tengono comunque conto di questo trauma e approfondiscono la situazione o l'iter non cambia? saluti
[#7] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
no è il referto istologico letto ed interpretato dal dermatologo a fare legge(e valutare eventuali associazioni come ulcerazione, infiltrazione infiammatoria perilesionale, regressione)

saluti
[#8] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
ho ritirato oggi il referto istologico : losanga di cute di cm.1x0,5x0,3 con neoformazione di cm 0,4 asse maggiore, biancastra, piana a margini mal definiti. diagnosi: nevo dermico con attivazione reattiva capillare del derma superficiale. escissione radicale .. è un normalissimo nevo? cosa significa attivazione reattiva? è dovuto al trauma che ha subito il nevo mesi fa? grazie
[#9] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
pare proprio di si! faccia vedere il referto al suo medico e serenità

saluti