Utente 445XXX
Buongiorno, ho 33 anni. Lo scorso aprile mia moglie ha avuto un aborto spontaneo alla 10^ settimana, da allora cerchiamo una nuova gravidanza, ma senza successo. Dal marzo precedente soffro di una forma allergica di cui non si riesce a individuare la causa e che provoca alti valori di IgE (da 1600 fin oltre 2000) e un forte prurito, anche attorno ai gentali.

Ho eseguito uno spermiogramma con i seguenti risultati:
Astinenza 3 gg.
Volume 3,2 mL
Coaguli presenti
Tempo di fluidificazione 20 Min.
pH 8.0
Colore Giallastro
Viscosità Normale
Lunghezza filamento 0 cm
Numero Spermatozoi 15.0 mln/mL
Numero Spermatozoi nell'eiaculato 48.0 mln
Motilità dello sperma:
progressiva rettilinea a 60 min. 18%
progressiva non rettilinea a 60 min. 30%
progressiva totale a 60 min. 48%
"in situ" a 60 min. 10%
Immobili a 60 min. 42%
Motilità totale a 60 min. 58%
progressiva rettilinea a 120 min. 10%
progressiva non rettilinea a 60 min. 22%
"in situ" a 60 min. 8%
Immobili a 60 min. 60%
Motilità totale a 60 min. 40%
Cellule dello sperma
Cellule rotonde 1.05 mln/mL
Leucociti 714 migliaia/mL
Vitalità 89%
Morfologia spermatozoi
Forme normali 16%
Forme patologiche 84%
Mi sono state quindi diagnosticate astenozoospermia e teratozoospermia.

Vorrei avere un suo giudizio sulla mia fecondità. Inoltre i farmaci antiallergici a base di chetotifene che sto assumendo possono influire sui valori del mio spermiogramma? L'aborto spontaneo di mia moglie può essere correlato alla teratozoospermia? Quest'ultima può essere legata agli elevati valori di IgE nel mio sangue?
Quali ulteriori approfondimenti crede che sia utile che faccia?

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore 4453,

lei pone delle domande a cui non è possibile e semplice rispondere con chiarezza
a mio parere sarebbe il caso di rivolgersi ad un centro specializzato ( potrebbe cercare il servizio di Andrologia dell'Ospedale San Paolo ( Prof Colpi) o ISES, viale V.Monti)
Li la potranno aiutare concretamente
cari saluti