Utente 215XXX
Sono miope astigmatico, settimana scorsa mi sono recato ad ordinare un nuovo paio di occhiali con delle nuove lenti. Per l' occhio sinistro dove ho un astigmatismo piuttosto marcato (non so se leggo bene i dati della ricetta comunque un-3.25) e un asse di 4 gradi non è cambiato nulla, mentre per l' occhio destro c'è un piccolo aumento della mipia ed una correzione da 161 a 170 gradi dell' asse per l' astigmatismo.

Sono 4 giorni che indosso tutto il giorno gli occhiali e sono quattro giorni che mi reco dall' ottico per far modificare l' inclinazione della montatura per ridurre dei problemi visivi all' occhio sinistro. Oggi finalmente sono riuscito ad aver una vista limpida ed a fuoco ad entrambi gli occhi, la montatura è in beta titanio e fatica a prendere la forma corretta, ma rimane un problema. Avverto un senso di fastidio nell' occhio sinistro. come se vedessi di meno.

Secondo l' ottico la lente è corretta e il senso di fastidio o di "veder meno" è dovuto al cambio di dominanza dell' occhio. L' occhio destro ora riesce a veder normalmente ed in maniera superiore all' occhio sinistro a contrario di prima (sx 9 decimi, dx 10 decimi) ed è questione di abitudine. se rimetto i miei occhiali vecchi a destra non vedo molto male ma a sinistra perfettamente e scompare il fastidio.

Volevo una conferma della dagnosi e sapere indicativamente quanto può durare questa sensazione di fastidio
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
Le diagnosi e le terapie in tutti i paesi del mondo le fanno i medici.
A mio parere un astigmatismo corneale così elevato va indagato per escludere un cheratocono!!
Direi che sia necessario andare a fare una approfondita visita medica
Con Specialista Oculista: eseguendo anche la cicloplegia, poi eventualmente si recherà dall'ottico per fare le lenti.
In Europa la prescrizione di lenti astigmatiche e' pertinenza Medica,ci sara' un buon motivo?non crede??
[#2] dopo  
215609

dal 2011
Sono sempre stato seguito da un oculista specializzato e lo sono tutt' ora. Sono 17 anni che porto gli occhiali e ho sempre avuto angoli del genere ma mi è sempre stato escluso il cheratocono ed altre complicanze. L' occhio è perfetto, per quanto riguarda l' occhio sinistro è invariato da oltre 10 anni, il destro ha bisognoperiodicamente con intervalli di 3-4 anni di un controllino e un ritocco alle lenti fortunatamente abbastanza limitato.

Le lenti sono state fatte dietro prescrizione medica di un oculista presso il quale mi rivolgo praticamente da sempre, che però ora gode delle ferie e non mi è possibile rintracciare.

Il mio cruccio base è sapere quanto possa esser vera la questione della dominanza dell' occhio. Trovo un certo miglioramento questa sera, purtroppo sono abbastanza ansioso e questioni che riguardano occhi ed occhiali a cui ho sempre avuto il massimo riguardo mi agitano.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Ha eseguito una topografia e pachimetria corneale con orbscan o con pentacam??
Ha eseguito test con luci di Worth??
O test con luci rosse e verdi??
[#4] dopo  
215609

dal 2011
Al primo quesito non so darle risposta per quanto riguarda il secondo soliamente sono due due luci una rossa ed una verde affiancate. Nella visita per la prescrizione dell' occhiale invece erano 4 luci di cui una bianca.

Effettuo controlli oculistici solitamente ogni sei mesi, ma in alcuni casi anche prima. Essendo incisore la vista mi è indispensabile averla buona e le visite mediche non sono sempre tutte uguali