Utente 196XXX
EGRREGI DR.I,
MI SCUSO SE DISTURBO NUOVAMENTE. NELLE PRECEDENTI MAIL AVEVO SEGNALATO IL MIO CASO , HO 32 ANNI E LA SERA PRECEDENTE AL MIO RICOVERO MI E' STATA RISCONTRATA LA PRESSIONE ARTERIOSA SUI TEMUTI 140/90 , ARRIVATA IN UN SOLO CASO ISOLATO A 160/100 DURANTE IL RICOVERO, PUR ESSENDO IN PRECEDENZA ALLA GRAVIDANZA IPOTESA ED AVER MANTENUTO SINO A CHE NON HO SCOPERTO I VALORI DI CUI SOPRA UNA PRESSIONE SUI 110/70.
MI VENIVANO SOMMINISTRATE 5 O 10 GG DI NIFEDICOR AL BISOGNO , E NON FACENDO LE STESSE EFFETTO ALCUNO , SE NON PROVOCARMI UN GRANDE MAL DI TESTA , LA GINECOLOGA MI HA MESSO IN TERAPIA CON ALDOMET 250 MG, HO INIZIATO CON 4 CPR E POI RIDOTTO A DUE.
VI SAREI MOLTO GRATA SE POTESSI RIPSONDERE AD ALCUNI MIEI QUESITI<.
1) - HO INIZIATO CON 4 CPRS E POI DICDEFO RIDOTTO A DUE , SINO A QUANDO NE PRENDEVO 2 E MEZZO I MIEI VALORI RIMANEVANO SUI 110/70 A VOLTE 115/74 OPPURE 100/60. HO INCOMINCIATO A RIDJRE DA UNA SETTIMANA SU INDICAZIONE DEL CARDIOLOGO A DUE COMPRESSE DA 250 A DI , QUINDI ( UNA AL MATTINO E MEZZA POMERIGGIO E SERA), E HO NOTATO , NON SO SE IS A UNA COINCIDENZA CHE IN DUE CASI ISOLATI LA PRESSIONE MISURATA ERA PER ESEMPIO 130/90 E DOPO UN MINUTO MAGARI 115/70, MI E'STATO DETTO DI MISURARLA TRE VOLTE AL DI' E DI FARE LA MISURAZIONE CON LA MEDIA DI 3 VALORI MISURATI A DISTANZA DI UN MINUTO UNO DALL'ALTRO. QUESTI VALORI COSI' ALTI SONO COMPARSI APPENA SVEGLIA IL MATTINO E POI DOPO IL RIPOSO POMERIDIANO AVENDO FATTO COME UNICO SFORZO QUELLO DI METTERMI IN POSIZIONE SEDUTA DA QUELLA DISTESA. IL CARDIOLOGO DICE CHE SONO NORMALI DEGLI SBALZI. PERO' MI CHIEDO COME E' POSSIBILE CHE CI SIA UNA DIFFERENZA TALE TRA I VALORI MISURATI CON COSI' POCA DISTANZA?

2)- QUESTI VALORI 130/90 SONO COMPARSI DOMENICA E GIOVEDI'IN UNA CASO ISOLATO AL MATTINO E POI IL PIMERIGGIO CON LA MEDIA DELLE ALTRE DUE MISURZIONI ERO SUI 120/80, PERO' POI PER TUTTO IL GIORNO I VALORI NON ANDAVANO MAI SOTTO DEL 115/75, DOVREI RITORNARE AD AUMENTARE LA TERAPIA SECONDO VOI?

3)- CHE POSSIBILITA' CI SONO CHE LA MIA SIA SOLO UN IPERTENSIONE POST PARTUM DOVUTA ALLA GRAVIDANZA E NON CHE IO SIA DIVENUTA IPERTESA? MI SPIEGO MEGLIO , SE L'IPERTENSIONE FOSSE DIPESA DALLA GESTOSI AVERI FORSE DIVUTO AVERE PROITENURIA , MA IL FATTO CHE NON L'ABBIA AVUTA MAI SIGNIFICA CHE LA MIA E' UN IPERTENSIONE A PREISCINDERE DALLA GRAVIDANZA? O PUO ESISTERE L'IPERTENSIONE SENZA PROTEINURIA E TRATTARSI COMUNQUE DI GESTOSI?

4)- SI PUO' GUARIRE E IN QUANTO TEMPO?

5)- QUALI SONO I RISCHI CHE SI CORRONO SE SI SOSPENDESSE GRADULAMETE LA TERAPIA UN GIORNO E GRADULAMENTE DI AVERE NEL MIO CASO CRISI IPERTENSIVE?

HO 32 ANNI , HO EFFETTUATO ESAMI RENI E CUORE, TUTTO OK, IN ANAMNESI SEGNALO CHE MIO PAPA' E' IPERTESO MA LA MIA GEMELLA MONOVULARE E LE MIE SORELLE , COSI COME MIA MADRE HANNO MANTENUTO VALORI BASSI E CHE ERO IPOTESA PRIMA .
GRAZIE MA VIVO MALISSIMO E ORMAI MISURO PATOLOGICAMENTE LA PRESSIONE TANTISSIME VOLTE AL GIORNO.
GRAZIE DEL VS AIUTO

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
è nella norma che i valori pressori oscillino nel corso della giornata, così come è ipotizzabile che lei a lungo andare riduca la terapia farmacologica, il suo caso non sembra particolarmente complicato almeno per quanto lei scrive e le sue paure sono sostanzialmente ingiustificate.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Mi sembra che i valori che lei ha riportato non necessitassero ne' una terapia tanto aggressiva ne' tante preoccupazione .
Cerchi di tranquillizzarsi...
Cordialmente
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#3] dopo  
Utente 196XXX

Iscritto dal 2011
GRAZIE MILLE DELLE VS RISPOSTE GENTILISSIMI. EFFETTIVAMENTE ANCHE A ME SEMBRAVA ECCESSIVA LA DOSE , ANCHE SE SINCERAMENTE PRIMA DELLE 4 CPS NON ACCENNAVA A SCENDERE , FORSE AVREI POTUTO ASPETTARE...
VORREI SOLO CHIEDERVI UN ULTIMA INFORMAZIONE RIGUARDO LA VERIDICITA' O MENO DELLA TEORIA SECONDO LA QUALE UNA VOLTA INTRAPRESA UNA TERAPIA ANTIIPERTENSIVA , SI SIA POI COSTRETTI AD ASSUMERE LA STESSA A VITA. CIOE' POTREBBE IL FISICO ''VIZIARSI'' ED AVERE VALORI OTTIMALI DI PA SOLO SE ORMAI COADIVUATO CON FARMACI IPERTENSIVI?

-OGGI NELLE TRE MISURAZIONI EFFETTUATE AVEVO I SEGUENTI VALORI ( 130/90- 111/71 - 112/71) , ERO SDRAIATA A LETTO , E HO EFFETTUATO LE MISURAZIONI A DISTANZA DI UN MINUTO L'UNA DALL'ALTRA , MI CHIEDO COME E' POSSIBILE TALE VARIAZIONE? DEBBO DARE CREDITO AL VALORE PIU' ALTO , O E' AFFIDABILE LO STESSO LA MEDIA?
GRAZIE E MI SCUSO PER QUESTE ULTIME L DOMANDE CHE SPERO NON OFFENDANO LA VS PROFFESIONALITA', MA PURTROPPO SONO INCOMPETENTE IN MATERIA . GRAZIE
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non è vero che una volta iniziata una terapia anti ipertensiva questa vada proseguita a vita. È vero pero che il paziente iperteso è un paziente cronicamente iperteso e quindi vada trattato a vita.
Per ciò che riguarda la variazione dei valori pressori da lei segnalata, tenga presente che tali valori variano anche in pochi minuti, dipendendo essi da molti fattori quali la frequenza, lo stato di ansia, oltre che dal metodo di misurazione Dell apparecchio.
Si cerca pertanto di fare la media matematica tra più misurazioni consecutive
Cordialmente
Cecchini
www.cecchinicuore.org