Utente 215XXX
Buonasera,
volevo sottoporre alla Vostra cordiale attenzione una domanda sulla sfera sessuale maschile.
È normale che il pene, in erezione, non esca completamente fuori dalla pelle e, anzi, debba essere aiutato a fuoriuscire manualmente... addirittura in modo doloroso, specie nei momenti culminanti?
Potrebbero essere segni di una sospetta fimosi? In tal caso, come si può curare questo problema senza ricorrere ad interventi chirurgici?

Grazie mille per l'attenzione,
saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

tutto quello che ci scrive fa pensare alla presenza di una fimosi e quindi da questa postazione dobbiamo indicarle ora una valutazione clinica in diretta con esperto andrologo od urologo.

Sarà lui ad indicarvi poi la strategia terapeutica più mirata al problema specifico che incontrerà ma che generalmente, in questi casi, è di tipo chirurgico.

Nel frattempo, se desidera avere altre notizie su questo ed eventuali altri problemi di natura andrologica che interessano i giovani maschi le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 215XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille per la tempestiva risposta.
Potrebbe guarire col tempo o è una cosa che si protrarrà per tutta la vita?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Penso proprio che il collega abbia ragione a consigluiarLe una visita urologica.
Infatti solo così potrà esssere dimostrata la fimosi, il suo grado di restringimento e l'eventuale tipo di intervento ch,per altro in anestesia locale con l'ausilio di pomate anestetiche e ambulatoriamente.
Non procrastini la soluzione del pronlema e non faccia si che psicologicamente qs diventi un grande problema dato che la soluzione è banale e semplice.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non faccia lei la prognosi del suo problema...senta ora un esperto urologo.