Utente 620XXX
Non ho problemi di erezione(che dura abbastanza a lungo),
ma ho grandi difficolta' a raggiungere l'orgasmo durante la penetrazione
(mentre riesco a raggiungerlo con la masturbazione).
Spesso, esausto, devo interrompere il rapporto senza che avvenga l'eiaculazione.

Ho letto attentamente i vostri rapporti e consulti (tra cui
"Quando il rapporto tarda a finire (impotenza eiaculatoria)" ),
arrivando alla conclusione che il problema derivi dall'eccessivo
auto-controllo che caratterizza fortemente la mia personalita',
non riesco a lasciarmi andare, mi auto-osservo e non raggiungo l'orgasmo.

Il problema e' sensibilmente aggravato dal fatto che vorremmo un bambino.

Cosa posso fare ?

Esistono dei farmaci che favoriscono un'eiaculazione piu' rapida o
aiutano a lasciarsi andare ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
i farmacvi esistopno con una qualche efficacia, che però di qua non possiamo prescrivere. Personalmente valutarei che non esistano concause (ormonali e prostatiche), eviterei di mirare i rapporti alla ovulazione (non serve). Pertanto senta cosa dice un collega daql vivo, senza scartare la possibilità di approccio psicoterapeutico al problema se la la causa psicogena venisse confermata alla visita.
[#2] dopo  
Utente 620XXX

Iscritto dal 2008
Come suggerito, ho effettuato una visita presso un andrologo,
che, anche con l'ausilio di eco, analisi, e colture varie ha escluso
completamente la presenza di concause prostatiche.
L'unico indicatore un po' anomalo e' il Testosterone Libero che ha un valore di 7,9 pg/ml.
Il medico mi ha suggerito di provare l'utilizzo di Levitra prima del
rapporto; ma non ha sortito alcun effetto (d'altronde, io non ho alcun
problema di erezione).
Se i farmaci menzionati dal dr. Cavallini sono di diversa tipologia,
sarei grato se me li segnalaste (eventualmente in email privata
se non possono essere indicati sul sito).
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

il problema della anorgasmia ed aneiaculazione coitale non è ancora stato compreso appieno nei suoi meccanismi. Esiste sicuramente un fattore psicologico ma anche un fattore connesso con la qualità della erezione. I farmaci Viagra, cilis, Levitra temndono a ritardare la eiaculazione e l'orgasmo
La possibilità di giungere comunque ad orgasmo ed eiaculazione con stimolazione manuale propria o della partner potrebbe consentirvi, intanto, di poter pensare a qualche artificio per ottenere una deposizione dello sperma in vagina per cercare di avere una fecondazione.
In alcuni casi si deve ricorrere e tecniche di Procreazione Medicamente Assistita
Cari saluti
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
escluse cause organiche , adesso vanno investigate le cause altre, cioè psichiche, relazionali, da cattivo apprendimento sessuale, etanto altro.
Un possibile concepimento, mediante tecniche di procreazione medicalmente assistita o con un'orgasmo raggiunto con l'auto-erotismo, possono intanto alleviarla dal peso e dalla fatica mentale di un orgasmo vaginale, e dedicarsi con calma e con il tempo, alla risoluzione delle sue diffcioltà.
Legga, se didera, questo mio articolo sull'argomemnto, spero possa trovare uno spunto di riflessione.
Saluti

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/132/Anorgasmia-maschile
[#5] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
concordo con le indicazioni dei Colleghi, soprattutto della Dottoressa Randone, sulla necessità di effettuare un approfondimento psicologico.

A volte l'anorgasmia maschile è legata ad un "blocco", proprio rispetto ad un'eventuale gravidanza. Lei è certo di desiderare un figlio da questa donna?

Non deve rispondermi, ma potrebbe trovarsi a dover dare una risposta simile all'interno di un colloquio psicologico: è una domanda che io di certo le farei.

Non escluda la consulenza psicologica di coppia.