Utente 110XXX
Salve gent. mi Dr. sono una ragazza di 28 anni e ad agosto 2010 mi sono sottoposta ad intervento di diversione bilio pancreatica sec.Scopinaro, l' intervento provoca scariche, gestibilissime, attualmente sono tarata su 3 scariche al gg. Mi è stato diagnosticato, tramite tampone vaginale, il micoplasma nello specifico "ureaplasma uretilycum" e sto seguendo uan cura di antibiotici che prendo dopo i pasti principali e probiotico. La mia perplessità è prendendo l' antibiotico dopo pasto e avendo le scariche, l' antibiotico perde efficacia? Cosa dovrei fare in caso? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signora
l'interferenza con alimenti, farmaci o un accelerato transito intestinale rendono meno efficaci gli antibiotici e quindi la sua perplessità è sicuramente fondata.
Il suo medico curante sicuramente riuscirà a trovare il dosaggio adatto alla sua situazione.
Non dimentichi comunque di far effettuare anche al suo partner la terapia antibiotica essendo l'infezione da ureaplasma uretilycum sessualmente trasmissibile.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
Salve Dr., si anche mio marito sta eseguendo la terapia antibiotica, con l' aggiunta del probiotico per non creare disordini nella flora.
SOno certa che riusciremo a debellare l' ureaplasma, l'unica perplessita era l' assimilazione dell' antibiotico..
Per l' iniettivo vale anche quanto dettomi sopra, o è completamente assimilabile?
Forse le sembrerà strano, ma da ieri che ho iniziato la cura antibiotica già ne traggo giovimento, in quanto il peso che sentivo e mi portava dolore nella zona pelvica non lo sento più, e anche la minzione sembra sia stata attenuando adattandosi ai liquidi introdotti..
[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signora
per l'iniettivo l'assorbimento non avviene attraverso l'intestino e quindi sicuramente non vale quanto indicatole riguardo l'assorbimento attraverso il transito intestinale. Rimane sempre valida invece, come per ogni farmaco, l'interferenza di alcuni cibi e di alcuni farmaci sul meccanismo di azione.

Cordiali saluti