Utente 141XXX
Salve!Mia madre ha 66 anni ha il colesterolo totale di circa 266. quindi prende la statina tutti i giorni(provisacor 10. Però prendendo la statina, soffre di crampi notturni, ma elimnandola, i crampi scompaiono, ma il colesterolo e il Ck- NAC salgono(244). Domamda da profana:qualè il male peggiore?grazie anticipatamente

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maggio
24% attività
0% attualità
8% socialità
RIVOLI (TO)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2010
Gent.ma Signora, la pericolosità dei valori elevati di colesterolo nel sangue deve essere valutata sulla scorta del rischio cardiovascolare globale e dell'anamnesi familiare. Inoltre, non è sufficiente prendere in considerazione il colesterolo totale, ma è necessario conoscere il valore del colesterolo "buono", o HDL, e dei trigliceridi. In tal modo è possibile calcolare il colesterolo "cattivo", o LDL.

Vedi precedente risposta ad altro utente:

http://www.medicitalia.it/consulti/Scienza-dell-alimentazione/230424/Colesterolo

I farmaci più utilizzati per ridurre il colesterolo nel sangue sono le statine che, come effetto collaterale, possono causare anche dolori muscolari e aumento del CK (enzima presente in vari tessuti, fra cui i muscoli). Quindi, è plausibile che sospendendo Provisacor (una delle statine in commercio) scompaiano i crampi, mentre è difficile spiegare l'aumento del CK dopo interruzione del farmaco.

Vengo al dunque. Se il colesterolo di sua madre necessita realmente di un trattamento farmacologico, in presenza di crampi verosimilmente causati da Provisacor sarebbe opportuno sostituirlo con altra statina.

Grazie per l'attenzione