Utente 512XXX
Salve sono un ragazzo di 26 anni, da un bel po di anni accuso dei fastidi al pene: secchezza del glande,con a volte una specie di screpolatura della pelle e un leggero rigonfiamento della punta del glande e bruciori all'uretra, sopratutto alla base del pene e in punta, quando urino. Inoltre ogni volta che urino dopo un po ho sempre delle piccole perdite, quando eiaculo il il gonfiore aumenta. Ho sempre pensato che si trattasse di un problema banale ma da qualche mese a questa parte a seguito di rapporti non protetti , il bruciore si è intensificato. Ho pensato inizialmente ad una candidosi e in effetti erano apparse delle macchie all'inguine che ho curato con delle sporanox e lavaggi con pevaril.Adesso sono riamste solamente delle macchie rosee ma mi sembra che stiano scomparendo pian piano.
Il problema è che il bruciore alla punta è rimasto.
Ho già fatto un esame delle urine con urinocoltura e antibiograma ma in questi non appare alcun tipo di infezione batterica (tranne un alto livello di leucociti=18).
Potreste darmi qualche indicazione sugli esami da effettuare per avere qualche chiarimento.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
prima di tutto le consiglio una indispensabile visita uro/andrologica.A me pare che il tempo del fai da te sia passato da un pezzo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 512XXX

Iscritto dal 2007
no no non ho fatto da me..ho consultato ovviamente il mio medico prima di assumere questi farmaci. vorrei comunque sapere se ci sono degli esami specifici che si possono fare in questi casi. Vorrei avere delle analisi da portare con me per una visita andrologica specialistica.
[#3] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro utente può aggiungere una spermicoltura prima della visita specialistica strettamente necessario visto che il problema va avanti da più di un mese.
Cordiali saluti

Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
[#4] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Anche io le consiglio una spermiocultura all'esame delle urine e poi farei vedere il tutto ad un urologo nella sua zona. Il colelga visitandola le saprà dire se questi esami sono sufficienti o occorre eseguire anche un tampone uretrale. Eventualmente le sarà impostata una terapia.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.