Utente 216XXX
salve, il mio ragazzo da un pò di tempo si è accorto di avere un fastidio ai genitali ed osservandolo ho notato che ha un testicolo che sembra sia leggermente più piccolo, e cosi ho insistito e l'ho mandato dal medico generico, che osservandolo ha detto che probabilmente ha un varicocele,cosi gli ha dato da fare uno spermiogramma e una ecografia.Dalla ecografia è risultato avere un varicocele di primo grado e il dottore ha detto che non gli va fatto nulla, ma i risultati dello spermiogramma non mi sembrano dei migliori..

astinenza sessuale:7giorni
aspetto:proprio
volume:6.5
ph:7.7
fluidificazione:fisiologica
viscosità: nei limiti
concentazioni spermatozoi/ml 11.000.000 totale per eiaculato 71.500.000
motilita spermatozoi all 2°ora
progressiva 15
motilità totale 40
immobili 60
motilità spermatozoi alla 4°ora
progressiva 10
mobilita totale 35
immobili 65
morfologia degli spermatozoi tipici 20 atipici 80
lucociti 300.000
emazie assenti
zone di spermioagglutinazione assenti
cellule geminali alcune
cellule epiteliali alcune
swelling test 26
inoltre c'è scritto che la ricerca effettuata dopo semina su terreni specifici ha dato esito a pseudomonas aeruginosa in numero di colonie 15.000
a seguito di questi esami il medico ha detto che ha un'infezione,che ho letto che si prende in ospedale ma che di solito prende i polmoni,e lui in ospedale non ci è stato, non capisco dove abbia potuto prenderla, il medico gli ha dato una terapia da prendere per 10gg e ha rifatto l'esame dopo due settimane e le colonie sono addirittura aumentate:200.000 alcuni valori sono leggermente migliorati:concentrazioni spermatozoi 12.000.000 totale eiaculato 102.000.000 motilità spermatozoi alla 2°ora progressiva 20-motilità totale 45 immobili 55 motilita spermatozoi all 4°ora progressiva 20- motilita totale 40 immobili 60 morfologia degli spermatozoi tipici 20 atipici 80 leucociti 300.000 swelling test 34 Ora gli ha detto di fare l'eco-doppler ma ha detto che cmq se il varicocele è solo di primo grado non ha bisogno di fare nulla. Io ho letto che il varicocele di I grado non va operato o curato solo se non reca danni, nel caso del mio ragazzo non credo sia cosi, e poi vorrei sapere se non fa nulla c'è il rischio che si aggravi e che diventi di II-III grado?? Lui fa il muratore e di solito porta delle cose pesanti,ed ho letto che non aiuta affatto in caso di varicocele è vero? Se si aggrava e gli viene un varicocele di II-III grado sarà troppo tardi per fare qualcosa e diventerà sterile? Sempre che non lo sia già, visti questi risultati che non mi sembrano molto ottimali...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Gentile lettore,

sulla base dei dati che riferisce, anche per la sospetta infezione in corso, le consiglio di effettuare una visita specialistica presso un andrologo che possa valutare sia il varicocele che dovrebbe controllare nel tempo ma anche la sospetta infezione...

di certo il tipo di lavoro e i carichi non aiutano.... e poi il dato della fertilità deve essere inquadrato in un contesto più ampio, cioè di coppia

cordialità
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Colpi, che mi ha preceduto, se desidera avere poi informazioni più dettagliate sui problemi legati alla presenza di un varicocele le consiglio di consultare anche l’articolo da me pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-fare-problemi.html .

Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Cara lettrice,

la presenza di un varicocele , di una alterazione dei paramteri del liquido seminale e di una infezione dovrebbero essere inquadrati in maniera organica da un andrologo che possa verificare connessioni tra i fenomeni e consigliare le opportune modalità diagnostiche e terapeutiche.
veda www.andrologiaroma.net
cari saluti
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ora comunque risentite il vostro medico di riferimento che spero sia, per il suo compagno, un andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

Ancora un cordiale saluto.