Utente 513XXX
Salve, volevo un consulto sulla mia situazione:

Ho avuto a metà ottobre febbre a 38 il medico di bsa ha diagnosticato la bronchite curata con una scatola di veclam, finita la scatola la febbre non cala anzi aumenta, metà settimana il dottore mi fa l'antiinfluenzale(dicendo che non c'è nessuna controindicazione)fine della scatola ho gli stessi sintomi e la febbre sale a 39e5 raggi urgenti diagnostica una pleurite curata con della ciproflaximicina, finita la dose ho ancora la febbre sui 38 nel frattempo mi viene del mal di stomaco e il dott. mi prescrive un antiulcera, il sabato sera comincio con dolori atroci allo stomaco, corsa in ospedale, diagnosticano una peritonite purulenta, mi operano di urgenza il 17 novembre, la situazione sembra risolta, ma una volta dimesso dopo 5 giorni ho ancora la febbre a 37e5, dopo 10 gg mi tolgono i punti e in ospedale e il dottore mi dice che è il decorso post-operatorio, fa un po' di infezione la ferita, e il medico di base 2 volte a settimana mi controlla, ieri mi ha detto che la ferita si sta riassorbendo bene e non c'è più pus, ho mal di stomaco da 3 giorni solo dalle 17 di sera fino a cena poi passa il medico non mi ha detto niente, solo analisi del sangue che saranno pronte nei prossimi giorni, io la febbre oggi è ancora a 37e5, ma alla sera tardi scompare per ritornare al mattino, è normale una situazione del genere? di corpo dopo il post-operatorio sono andato abbastanza bene per una settimana, poi ho fatto un po' di fatica oggi dissenteria.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Sinceramente la sua storia non è molto chiara. Sarebbe necessario quanto meno sapere da quale affezione era sostenuta la peritonite e che intervento le hanno praticato.
[#2] dopo  
Utente 513XXX

Iscritto dal 2007
Mi è stato fattp una appendicectomia il 18 novembre con peritonite purulenta, in ospedale sono stato curato con del tazocin e antra, non ho mai avuto mal di pancia, è capitato tutto all'improvviso, il chirugo ha detto non si spiega la peritonite perchè l'appendice era infiammata ma non da causare la peritonite, molto probabilmente gli antibiotici presi prima hanno sfiammato l'appendice. il mio medico di base invece sostiene che è stato un linfondo dell'intestino piano piano a collassarsi, finchè è imploso e ha creato le fitte, fattostà che orami è quasi un mese è ho ancora la febbre a 37.5 la cosa più strana che prima di andare a letto la febbre non c'è più
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
La possibilità di peritoniti primitive è possibile ma assolutamente eccezionale. La storia del linfonodo non sta in piedi. Con quale accesso è stato aperto l'addome (tipo di incisione)? E' stata fatta una esplorazione degli altri visceri?
Sempre con il beneficio di una valutazione a distanza, allo stato attuale potrebbero essere utili una ecografia dell'addome ed un rx del torace; ma sarebbe il caso di riproporre il caso al Chiurgo che l'ha operato. La ferita in ogni caso va controllata dal Chirurgo!
[#4] dopo  
Utente 513XXX

Iscritto dal 2007
è stata fatta un incisione, altri visceri non sono stati esportati, ho contattato il chirurgo e mi ha detto che è il normale post-operatorio, la ferita me la controlla il medico di base 2 volte a settimana