Utente 216XXX
mio padre ha 71 anni,da più di 2 settimane accusava un leggero dolore al fianco sx, successivamente questo dolore si è irradiato nella parte posteriore aggiungendosi anche una strana tosse che gli impediva di tossire e respirare irradiando dolore anche al petto. il medico di famiglia a giugno in riferimento al dolore al fianco gli aveva consigliato una ecografia addominale da cui non risultava alcunchè. dunque tornando alla sintomatologia predetta aggiunga una lieve temperatura di 37,3 c°.
mercoledi scorso avendo prenotato una visita specialistica presso il cardiologo di fiducia(perchè cardiopatico ischemico) e riportandogli nell'anemnesi i sintomi il medico tramite ecografia toracica-addominale riscontra un versamento pleurico bilaterale. a questo punto lo stesso specialista consigliava un ricovero presso un ospedale, così fatto, l'ospedale effettua rx, (che conferma il versamento pleurico senza focolare), e analisi del sangue completo anche di emogas, ma nulla di rilevante.
ricovero effettuato presso un altro ospedale per carenza di posti, gli vengono nuovamente effettuati prelievi ma tutto nella norma, anche la temp.corporea è normale, gli viene somministrato antibiotico, ma a tutt'oggi non è stata ancora accertata una causa riferibile al nesso del versamento, si è proceduti alla richiesta di Tac, e siamo ancora in attesa da giovedì. mio padre ha leggeri problemi a parlare e a respirare perche si introduce fastidiosamente questo senso di affaticamento. questa degenerazione è stata improvvisa, certo forse non attenta nella valutazione sei sintomi.non sò che dire ho letto varie ipotesi in base alla soluzione del problema tramite anche la somministrazione di diuretici per la eliminazione del liquido pleurico,se fosse riferibile ad una causa cardiogena,ma a tutt'oggi(4 giorni) si brancola nel buio.
carissimo dott. le chiedo una sua valutazione circa il mio racconto, aggiungo anche che il medico di turno, quetsa sera rilevava nelle analisi un valore di CICA DI 250, chiamandolo come se fosse un campanello di allarme.mio padre nn è stato un fumatore, sino a qualche giorno fa si faceva la sua cyclet con molta tranquillità senza problemi, semplicemete pedalava senza applicare resistenza...lui crede che sia stato il climatizzatore che a volte si trovava cambiando ambiente, non so, vorrei dargli ragione, almeno per avere una certezza nella risposta.
il dolore al fianco è rimasto ma meno intenso, prende sempre anche i suoi farmaci prescritti dal suo cardiologo di fiducia come detto sopra..
aspetto sue notizie.
distinti saluti
carlo
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
La presenza di versamento pleurico bilaterale cosi' importante induce ad accertamenti approfonditi, come per esempio una toracentesi (prelievo del liquido tramite un ago): in questo modo da una parte puo' essere esaminato il liquido pleurico alla ricerca di batteri o di cellule neoplastiche e contemporaneamente si permette al polmone di espandersi meglio e quindi dando sollievo al paziente.
L'impiego dei diuretici nel versamento pleurico non ha alcun senso e puo' provocare effetti colalaterali pericolosi.
Cordialmente
cecchini
www.cecchinicuore.org