Utente 502XXX
VI CHIEDO CORTESEMENTE UN'INFORMZIONE URGENTE IN QUANTO SONO MOLTO ALLARMATO (ETA' 50 ANNI) MI SPIEGO DA CIRCA UN MESE HO PRESO SU CONSIGLIO DEL MEDICO PER UNO STATO D'ANSIA LO ZOLOFT NELL'ULTIMA SETTIMANA DI ASSUNZIONE RILEVO CHE FACCIO FATICA A RAGGIUNGERE L'ORGASMO, LA QUANTITA' DI SPERMA PRODOTTO E' IRRISORIA INOLTRE DA ALCUNE MATTINE AL RISVEGLIO NON HO PIU' EREZIONI HO PROVATO A MASTRUBARMI MA IL PENE NON RIMANE TURGIDO, HO SCARSO DESIDERIO SESSUALE ANCHE SE MI PIACEREBBE AVERNE.
IN PASSATO HO FATTO USO QUASI SETTIMANALMENTE DI TADALFIL.
IL MIO MEDICO MI HA DETTO CHE LO ZOLOFT DOVREI PRENDERLO PER DUE MESI MA DA OGGI PENSO CHE SMETTERO'.
DATEMI UN CONSIGLIO PER CORTESIA.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ivano Morra
40% attività
4% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
lo zoloft viene usato in andrologia per trattare i problemi di eiaculazione precoce; ritarda il raggiungimento dell'orgasmo e può determinare anche una riduzione della rigidità.
sospendendo il trattamento dovrebbe ritornare tutto come prima, per cui parli con il suo medico per una eventuale sostituzione.
cordialmente
Dr. I Morra
[#2] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
ciò che ci descrive è uno dei potenziali effetti collaterali (non frequentissimo ma abbastanza diffuso), della categoria dei farmaci di cui fa parte quello che prende lei (Zoloft---> Sertralina, fa parte dei cosiddetti SSRI, Inibitori della Ricaptazione di Serotonina).
Se le è stato prescritto questo farmaco vuol dire che ce n'era proprio bisogno, vuol dire che senza di esso l'ansia che lei ha non le permetterebbe di svolgere le sue abituali attività con la dovuta tranquillità.
Il problema prostatico da lei riscontrato, in ogni caso dovrebbe risolversi in un arco di tempo variabile da persona a persona.
In ogni caso le sconsiglio vivamente di sospendere il farmaco in modalità "fai da te", perchè potrebbero insorgere fastidiosissimi sintomi da astinenza quali cefalea, vertigini, nausea, senza ulteriori sequele, ma non certo piacevoli, come può immaginare anche lei.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,i consigli dati dal Collega Ventre mi trovano assolutamente concorde.L'obiettivo terapeutico non é quello del disagio sessuale,bensì lo stato d'ansia che ha portato alla terapia con sestralina.Sarebbe un errore ragionare il modo inverso.Tutti gli effetti collaterali legati ai farmaci svaniscono scon la interuzione dell'assunzione ma,considerando che già precedentemente Lei assumeva il tadalafil,credo che una visita specialistica andrologica sia doverosa.Cordialità.
[#4] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

il trattamento con zoloft deve avere una specifica indicazione.
Lo stesso deve essere protratto per un tempo piuttosto lungo per poter ottenere una remissione sintomatologica valida e persistente nel tempo.
La necessita' del trattamento deve prevedere anche la presenza degli effetti collaterali che lamenta.
A mio avviso sarebbe utile una visita specialistica psichiatrica che possa valutare la sua condizione psichica ed eventualmente possa consentire la sostituzione del farmaco in uso con un altro con minori effetti collaterali sulla sfera sessuale.

Cordiali Saluti
Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it