Utente 372XXX
salve.
alla mia ragazza è stata diagnosticata una ciste tendinea di 8 mm al polso sinistro. tale ciste è visibile ed è situata, per intenderci, scendendo dal pollice verso il polso e tenendo il palmo della mano verso l'alto. le è stata consigliata l'asportazione da un chirurgo della mano. quello che voglio chiedervi gentili dottori, pur con tutti i limiti di un consulto a distanza, se tale operazione presenta rischi e se c'e' la possibilità che la ciste si riformi nel tempo?? quali sono i tempi di recupero?? poichè la ciste è visibile è vero che l'operazione è meno invasiva e quindi il recupero più rapido??
grazie mille di cuore
un vostro lettore
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività +36
20% attualità +20
16% socialità +16
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

non si tratta di una vera e propria cisti, ma di un'ernia dell'articolazione del polso, denominata ganglio artogeno oppure ganglio arto-sinoviale.

Differisce dalla vera cisti in quanto presenta al di sotto un peduncolo cavo, cioè un canalino che la unisce all'articolazione, da cui si forma.

Nella zona radiale del polso (mono frequenti rispetto a quella dorsale), sono più complesse da eliminare e possono riformarsi con più facilità.

Io consiglio di rimuoverle solo se voluminose o fastidiose.

Dopo l'intervento, consiglio di immobilizzare il polso con un tutore rigido per 3 settimane, lasciando però libere le dita.

Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2007
infatti tale ernia dell'articolazione del polso, ho dimenticato prima di scriverlo, spesso è dolente e crea inevitabili disagi.
grazie
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività +36
20% attualità +20
16% socialità +16
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
In questo caso, potrebbe essere opportuno l'intervento.

Buona giornata.