Utente 177XXX
Gentilissimi Dottori,
invio la segente per porVi la mia problematica, sempre se tale possa definirsi (da profano in Medicina, esperto semmai in Diritto).
Da 24 ore circa soffro di un dolore, piuttosto forte, al testicolo destro; da una visione non noto alcun rigonfiamento.
Nella fattispecie, il dolore tende ad essere molto forte quando "apro" le gambe, limitando la sua intensità (comunque esistente, anche se a basse dosi) quando rimango fermo; ho inoltre notato un dolore alla gamba destra.(il dolore al testicolo tende ad aumentare quando dal basso lo "pingo" verso l'alto).
Alla luce di quanto sopra, chiedo se è conveniente rivolgersi ad un medico oppure se i dolori da me specificati possono esser tranquillamente "sinonimo" di alcuna patologia (con la costatazione ovvia che un consulto medico "Virtuale" non può sostituirsi alla visita concreta di un Professionista).
Procedo con il mio Medico Generale oppure aspetto qualche giorno al fine di vedere se i dolori persistono?
In attesa di vostre determinazioni, e scusandomi per essermi dilungato, Porgo Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
i dolori testicolari persistenti vanno sempre valutati nell'imediatezza.

Se le può essere utile può leggere il mio articolo:

http://www.medicitalia.it/minforma/Urologia/923/Il-dolore-acuto-del-testicolo-ovvero-lo-scroto-acuto-una-possibile-emergenza-urologica
[#2] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo Dr. Scalese,
ringrazio per la celerità nella Sua risposta e per le opportune specifiche da Lei indicatomi nel link postato.

Ritengo che, a mio avviso, se il dolore persiste nelle prossime 24 ore farò di sicuro riferimento al mio medico curante.

Nel contempo, vorrei porLe un'altra domanda, probabilmente estranea a questo ma frutto di curiosità personale: i testicoli devono essere, esteticamente parlando, in asse tra di loro oppure no?

Chiedo quanto sopra poichè, nel mio caso, noto da sempre che il sinistro è in posizione inferiore rispetto al destro, e qest'ultimo ha dimensioni pari al doppio del sinistro.

Continuo, senza voler approffittare della Sua professionalità, chiedendoLe quanto segue: è normale avere, sotto il testicolo sinistro, una sorta di "grumolo molle" (sempre avuto e che non mi ha mai destato alcun fastidio)? (nella fatttispecie concreta presumo sia irrilevante, comunque specifico che io ho 31 anni)

Confidando in una Sua/Vostra deduzione-interpretazione, ed in attesa di Vostre determinazioni, Porgo Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
E' normale avere un testicolo più in basso rispetto all'altro, però i due testicoli dovrebbero essere di volume, forma e consistenza sovrapponibile: su questo dato è opportuno insistere sulla sollecitudine di un consulto medico come avrà appreso dall'articolo.
La alterazione che lei descrive come "grumo molle" non desta preoccupazioni specie se di volume stabile nel tempo ed indolore anche se in ogni modo conviene fare sempre una diagnosi precisa.