Utente 852XXX
Egregi dottori,
premetto che ciò che sto per esporvi potrebbe essere una conseguenza diuna mia paura.
Premetto che nel 2006 ebbi una crisiipertensiva che mi impressionò molto e da allora iniziai una severa dieta iposodica ed ipocalorica con una quotidiana attività fisica che in 2 anni mi ha fatto perdere 16 kg. e mi ha bloccato la pressione arteriosa sui 110/75. Il medico curante mi fa comunque precauzionalmente assumere il Lasix (1 al dì) poichè in famiglia sia mio padre che mia nonna sono ipertesi. Da circa 3 mesi, per arrivo bebè, ho interrotto l'attività fisica e mi sto concedendo qualche "sgarro" alimentare tanto da aver preso 3-4 kg. Ieri sera, in particolare, ho mangiato una pasta particolarmente saporita, cosa anomala per me. Così accade che stamattina verso le 13:10 mentre ero in ufficio ho avuto la sensazione del "cuore in gola" (cosa che di tanto in tanto mi capita), fenomeno che mi fa venire voglia di tossire per placarlo. Mi sono subito impressionato poichè, nel contempo, ho sentito un formicolio al mignolo della mano sinistra che è durato alcuni minuto e che non so se è dovuto dal "cuore in gola" o dal fato che ero poggiato sulla scrivania sul gomito. Ho misurato subito la pressione che alle 13:30 era 122/80, alle 13:45 105/75 ed alle 13:55 115/67. Volevo chiedere: 1- il fenomeno del "cuore in gola" a cosa può essere associato? 2- il fenomeno del formicolio può essere una conseguenza del "cuore in gola"? 3- può essere una causa la cena salata di ieri sera? Premesso che mi rivolgerò al mio medico curante presto, vi ringrazio per i vostri autorevoli pareri e mi scuso se le mie richieste possono sembare sciocche ma sono un po' preoccupato. Saluti. Andrea.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La somministrazione di Lasix nell'iperteso e' fortemente sconsigliata, perche' controproducente (non sto a speigarle il perche', dal momento che e' piuttosto complicato).
In un paziente giovane si scelgono altri farmaci per ridurre il rischio cardiovascolare.
Per cio' che riguarda le "parestesie" (formicolii) ritengo che essi siano da mettere in relazione allo stato ansioso.
Se gli epiosdi di "cuore in gola2 come lei li definisce dovessero progredire, riterrei opportuno un Holter cardiaco delle 24 ore per escludere od identificare eventuali aritmie.
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 852XXX

Iscritto dal 2008
Buonasera dottore e grazie per la solerte risposta.
Il cosiddetto "cuore in gola" potrebbe essere un extrasistole? E se sì, può essere correlato all'ipertensione (anche se nell'occasione la pressione arteriosa è rimasta nei limiti)? Un aumento ponderale così limitato (3-4 kg.) può portare a fenomeni del genere?
Saluti e grazie ancora.
Andrea.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Potrebbero essere extrasistoli. Se il disturbo dovesse continuare esegua un Holter cardiaco.
Le sconsiglio a maggior ragione la furosemide ( LASIX)
Cordialità
Cecchini
www.cecchinicuore.org