Utente 204XXX
Buonasera,
tra due giorni "finalmente" mi sottoporrò all'intervento in oggetto... ma ho ancora qualche perplessità.
Il medico che mi ha visitato ormai quasi un mese fa, e che ha reputato necessario l'intervento, mi ha detto esserci solo un tipo di circoncisione - togliere la parte "ammalata" facendo sì che il glande risulterà sempre scoperto - quando invece, leggendo in internet, leggo che ce ne sono di vari tipi a seconda del caso.
Ora io ho notato che la cosiddetta parte malata nel momento in cui il pene è a riposo è minima e d è presente nell'area di pelle del prepuzio iniziale.
Sinceramente a me non dispiacerebbe avere un po' di pelle in più che copre il glande. Devo secondo voi parlarne il giorno dell'operazione o ormai è troppo tardi?

Inoltre volevo sapere anche se il frenulo, al momento della circoncisione, verrà tolto o meno.. perchè ultimamente, quando a fatica riesco a scoprire il glande, lo sento e vedo molto teso e di colore bianco.
Ovviamente me ne sono accorto solo in queste ultime due settimane probabilmente grazie all'uso di una pomata che mi ha prescritto lo specialista nell'attesa dell'operazione (fino a prima la pelle non scendeva proprio).
La cosa che mi darebbe fastidio sarebbe fare l'intervento e poi ritrovarmi tra un mese o più con un altro problema..al frenulo appunto.

Resto in attesa di una Vs. risposta.
Cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

sono tutte questioni che deve sollevare, prima dell'intervento, con il suo urologo.

La circoncisione prevede comunque anche una plastica del frenulo e quindi il secondo problema da lei sollevato non è un problema.

Nel frattempo, se desidera avere informazioni precise su questo tema specifico , le consiglio di consultare sul nostro sito anche gli articoli:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/642-frenulo-pene-sapere.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

la plastica del frenulo è un momento assolutamente obbligatorio nella circoncisione.
Circa il fatto di procedere ad una circoncisione parziale o totale (veda www.andrologiaroma.net) dovrebbe parlarne con il suo specialista.
In genere ritengo che la circoncisione completa rappresenti la soluzione migliore ma anche le richieste del paziente dovrebbero essere valutate
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Rifatta la valutazione con lo specialista di riferimento poi ci aggiorni, se lo desidera.
[#4] dopo  
Utente 204XXX

Iscritto dal 2011
Ringrazio per le tempestive risposte!
Domani mattina, come scritto, mi sottoporrò all'intervento.. Non so ancora quale sarà l'iter metodologico, o meglio, quanto durerà il tutto.
So soltanto che mi è stato detto di esser in reparto domattina alle 7.30... e che sarò dimesso nel pomeriggio.
Probabilmente ci saranno degli esami da fare precedenti l'operazione. Spero ci sarà il tempo di parlare nuovamente con il medico operante prima di procedere.
Altra cosa che mi preoccupa un po' è che già da domenica prossima dovrò tornare al lavoro e starò molte ore seduto. Può essere un problema?

Se avete altri consigli ditemi pure.
Grazie in anticipo

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

cerchi di chiarire per bene la procedura chirurgica con il suo urologo.

Infine, se la sua attività lavorativa non richiede continui movimenti e sforzi fisici, questa può essere ripresa con una certa tempestività ma, anche qui, chiarisca il tutto in diretta con il suo urologo.

Ancora un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 204XXX

Iscritto dal 2011
Gentili,
sono al terzo giorno post intervento..
L'operazione si è svolta abbastanza velocemente in anestesia locale (25 minuti a quanto c'è scritto sulla lettera di dimissioni".
Diagnosi: fimosi serrata
Procedure chirurgiche: plastiche di slittamento del prepuzio + incisione del pene.

Che dire.. in questi giorni sto cercando di seguire ciò che è scritto sulla suddetta lettera poichè il medico che mi ha operato e visitato poco prima della dimissione dall'ospedale non mi ha detto gran chè se non che andava bene, nonostante io fossi abbastanza preoccupato inizialmente, e non mi ha programmato alcuna visita di controllo.

Prima dell'intervento avevo anche avuto modo di parlare con il primario di urologia il quale, come lo specialista che mi aveva visitato e che mi avrebbe operato poi, mi aveva confermato esserci solo un metodo di circoncisione che avrebbe fatto sì che il glande rimanesse sempre scoperto.
E infatti ora il glande è completamente scoperto...

Volevo avere delle informazioni circa il processo di riabilitazione:
Nella lettera si dice che sono consigliate medicazioni locali, una due volte al dì, per una settimana circa, avendo cura di mantenere le garze asciutte dall'urina, utilizzando l'uso topico di Betadine crema per una settimana circa, non prima di aver attuato una detersione della parte da medicare con una soluzione fisiologica o borica al 3%.

ora in questi due giorni post operatori ho seguito il tutto ma più di due volte al giorno, poichè ogni qual volta faccio pipì tendo poi a detergere nuovamente con acqua borica e procedendo alla medicazione con betadine. Per un totale di 3 medicazioni al giorno
Forse questo è sbagliato?
L'utilizzo di betadine superiore alle dosi prescritte è controindicato?
Inoltre la detersione con l'cqua borica come deve avvenire? Io semplicemente la verso sul pene facendo attenzione che vada a contatto con la ferita magari cercando di tirare un po' la pelle visto che è ancora abbastanza gonfia. Poi però va asciugata prima di procedere all'applicazione di Betadine?
Inoltre betadine in questi gg la sto mettendo sulla garza ma probabilmente sarebbe più consigliabile applicarla con le dita sulla parte lesa?
Alla fine di ogni medicazione fascio il tutto con garza e rete elastica.

Ditemi se la procedura è corretta o se sto sbagliando... perchè al momento non ho alcun tipo di dolore ma molto fastidio dovuto al contatto del pene contro il tessuto o al semplice tatto con le dita.. La pelle sta diventando molto sensibile.

Ieri e l'altro ieri ho inoltre preso 3 pastiglie di efferalgan al giorno.. oggi pensavo di smettere.

Resto in attesa di vostri pareri o consigli in merito.

Un'ultima cosa... alla domanda se potevo o no farmi ricominciare a far la doccia dopo i primi giorni mi è stato detto dall'infermiera di sì, però cercando di farla con la fasciatura sul pene per poi, a doccia fatta, toglierla e proseguire con la medicazione.
Secondo voi è ancora troppo presto per il contatto con l'acqua?
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

le procedure che sa seguendo sono corrette, non si preoccupi troppo del crema indicata, la doccia la può fare e, se non ha dolore, smetta di prendere l'antidolorifico.

Ancora un cordiale saluto.