Utente 514XXX
Gentili dottori, il mio quesito è il seguente: io e mio marito abbiamo una vita sessuale normale e regolare, siamo giovani e sposati da pochi mesi.Ma a lui capita ugualmente di avere polluzioni notturne.
Lui sembra non preoccuparsene più di tanto, ma io mi sono chiesta se forse possono esserci alla base motivi di origine "patologica" o psicologica.
Può essere che sia io a sentirmi, come dire, in "difetto". Però mi piacerebbe capire questo fenomeno.
Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione che vorrete dedicarmi.
Buon lavoro.
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
4% attualità
20% socialità
CASSINO (FR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
cara signora le polluzioni notturne sono cfenomeno nella norma, non si preocupi
cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
0% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Non deve meravigliarsi se si verificano situazioni del genere perchè rientrano nella norma.
Cordiali saluti ed auguri di Buone Feste,
dott Daniele Masala.
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
le polluzioni notturne e diurne servono proprio al corretto mantenimento della funzione secretoria ed escretoria di tutte le ghiandole annesse e connesse con la produzione del liquido seminale. Specialmente in casi di lunghi periodi di astinenza volontaria o indotta.
Ho aggiunto di proposito polluzioni anche diurne...visto che non è assolutamente realistico delimitarle al riposo notturno ed in particolare ad alcune fasi precise del sonno. Come ben sa chi ha frequentazione con appartenenti a particolari etnie e religioni che praticano l'astinenza "vera", le polluzioni sono frequentissime anche di giorno ed a volte per cause veramente banali.
Detto questo, però, occorre sottolineare che tutto ciò non mi sembra pertinente nel caso specifico del Suo compagno, "fresco sposo" :)
Quindi, si tratta di polluzioni vere e proprie o di "secrezioni" uretrali? Indagherei su questo versante, magari consultando il Suo Medico di famiglia o se lui lo ritenesse necessario, uno Specilaista Andrologo.
Davvero tanti affettuosi auguri e cordilaissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO