Utente 211XXX
BUON GIORNO, HO 31 ANNI, SONO ALTO 174 CIRCA E PESO 119 KG. FINO ALL'ETA' DI 22 ANNI HO TENUTO SOTTO CONTROLLO LA MIA TENDENZA AD INGRASSARE CON IL CANOTTAGGIO CHE PRATICAVO A LIVELLO AGONISTICO. OBBLIGATO AD INTERROMPERE L'ATTIVITA' SPORTIVA DA PROBLEMI AD UN GINOCCHIO HO COMINCIATO AD ACCUMULARE CHILI E A FARE IL COSIDDETTO ELASTICO ALTERNANDO DIETE AD ATTIVITA' SPORTIVE PER BREVI PERIODI. 4 ANNI FA ARRIVATO A 112 KG MI SONO RIVOLTO AD UN DIETOLOGO IL QUALE CON UN SMPLICE REGIME ALIMENTARE DI CIRCA 1400/1500 CALORIE GIORNALIERE MI HA INDOTTO A PERDERE CIRCA 40 CHILI IN CIRCA UN ANNO DI TEMPO.
VISTI GLI OTTIMI TRAGUARDI MI SONO DICIAMO RILASSATO, E IN MEN CHE NON SI DICA HO RIPRESO TUTTI I CHILI PERSI CON QUALCUNO D'INTERESSE. CHILI CHE OGGI NON RIESCO PIU' A SCROLLARMI DI DOSSO NEMMENO CON LA DIETA PRECEDENTEMENTE SEGUITA.
IL PREAMBOLO PER CHIEDERE COSA PENSATE DELLA TECNICA DI BYPASS GASTRICO, CONSIDERANDO LE MIE DUE ERNIE AL DISCO, LA MIA APNEA NOTTURNA, LA MIA RECENTE SCOPERTA PRESSIONE MINIMA ALTA E LA MIA ERNIA IATALE.
HO LETTO CHE TALE TECNICA AIUTA A PREVENIRE O RIDURRE ANCHE IL DIABETE, DI CUI SIA MIO PADRE CHE MIA NONNA PATERNA SONO AFFETTI.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Cifarelli
24% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Signore
Ci sono Colleghi che si sono specializzati in una branca della chirurgia che s'interessa dell'obesita'.E' la chirurgia bariatrica.
Dopo una anamnesi per le patologie pregresse ed in atto,una visita accurata e tutti gli accertamenti necessari,si determina il BMI cioe' l'indice di massa corporea,per una valutazione definitiva sul tipo d'intervento da fare.Inoltre ci si avvale della consulenza di una visita psicoterapeutica e di una nutrizionistica.
Non tutti i pazienti vengono sottoposti al by pass gastrico.
Ci si puo' avvalere in primis per ridurre il BMI, di un programma dietetico ,l'utilizzo di sondini per nutrizione enterale per periodi limitati o dell'introduzione per via endoscopica di palloncini intragastrici .
Infine dopo tale programma viene fatta una scelta sul tipo d'intervento chirurgico,che non è un intervento di estetica ma di chirurgia generale per una patologia grave quale è l'obesita'.
L'intervento puo' essere eseguito per via laparotomica ,ma anche laparoscopica.
La degenza è quella normale per ogni intervento che si effettua per patologie gastiche .
Distinti saluti
[#2] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilissimo,

la chirurgia dell'obesità è una realtà, ma non è possibile on line dare una risposta. Bisogna che si rivolga ad un centro di riferimento dove valuteranno non solo lindice di massa corporea (che il punto di partenza..) , ma le eventuali malattie associate, la familiarità, le sue abitudini alimentari e la sua componente psicologica. Su tale valutazione si proporrà l'intervento chirurgico più opportuno: restrittivo, metabolico, malassorbitivo.

Come vede la valutazione è complessa per cui è bene far riferimento ad un centro con esperienza le settore.

Un cordiale saluto.