Utente 793XXX
Salve, al momento mi sento molto imbarazzato, ma allo stesso tempo terrorizzato.
due giorni fa mi sono fatto praticare sesso orale da una prostituta, in tale occasione non avevo con me profilattici, così la prostituta nè ha preso uno dei suoi.
Dato il momento molto teso non ho fatto caso se il suo preservativo era chiuso e sigillato. oppure era già aperto, comunque il rapporto orale è iniziato e si è concluso con quel preservativo. C'è la possibilità che possa prendere qualche malattia da tale rapporto?? Dato che il tutto si è consumato con il preservativo, c'è la possibilità che quest'ultimo (non ho fatto caso se era sigillato) potesse essere infetto e/o tenuto in malo modo tale da trasmettermi malattie tipo HIV o epatite B etc.???
sicuro di una risposta, saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
In ogni rapporto a rischio anche orale e' sempre raccomandato l'utilizzo del profilattico.

Tuttavia malattie come herpes sifilide e condomatosi possono essere sempre possibili anche con tale protezione a causa del possibile contatto fra mucose e pelle.

In caso di ulteriori dubbi consulti il dermatologo venereologo.

Saluti
[#2] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Caro Ragazzo,
penso che di richieste come la sua ne troverà centomila sul forum. La risposta è sempre la stessa: da quello che racconta le probabilità che si possa essere infettato con l'utilizzo di un profilattico nuovo (ci mancherebbe) sono davvero poche o nulle. Lo zero in medicina non esiste: noi dermatologi ricordiamo sempre, a questo proposito, il sifiloma che insorge alla base dell'asta in quel piccolo territorio cutaneo non coperto dal condom.
Anche se le dico che le probabilità che lei si sia infettato sono quasi nulle, ciò non farà passare la sua paura. Pertanto le consiglio sin da ora di rivolgersi al medico di famiglia per farsi prescrivere alcuni esami del sangue (markers epatite, sierologia lue, Hiv) e successivamente contattare un dermatologo per sicurezza.
In boca al lupo :-)
[#3] dopo  
Utente 793XXX

Iscritto dal 2008
gentili dottori, tengo a precisare che il rapporto orale è iniziato e si è concluso con il profilattico, ho visto dove è morto (dove e stato buttato) il profilattico, ma non ho visto dove è nato. Mi è stato applicato sul pene da ella stessa e già era scartato, ma ancora arrotolato.
c'è la possibilità che un preservativo tenuto male e/o in cattive condizioni,anche sporco, possa trasmettermi malattie già citate...???
provvederò agli esami del sangue e siccome vorrei farlo in maniera del tutto anonima, senza chiederlo al mio medico di famiglia e affidarmi ad un centro diagnostico privato. quali esami del sangue devo fare (i nomi dei valori per capirci)???
ancora grazie della disponibilità .....
[#4] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Non le posso prescrivere gli esami: si rivolga ad un dermatologo che senza ombra di dubbio la saprà consigliare in questo senso. E, ripeto, stia tranquillo.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 793XXX

Iscritto dal 2008
ancora un' ultima cosa. lo so di essere troppo apprensivo e ansioso.
oggi, noto sulla punta del pene una macchia a forma di cerchio di 1 cm di diametro di colore appena appena più rossa del glande, la cosa non mi provoca dolore, cosa può significare???!!
saluti e ancora 1000 grazie...
[#6] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Capita appunto molto spesso che, dopo un rapporto mercenario od occasionale, si vivano periodi di paura e si dia importanza a sintomi anche minimi. E' un motivo in più per rivolgersi allo specialista e sottoporsi ad un controllo diretto di questi elementi. Senza panico.
Di nuovo cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Se persiste la faccia controllare, avendo cura di evitare automedicazioni e cure non specialistiche.

Saluti
[#8] dopo  
Utente 793XXX

Iscritto dal 2008
chiedo ancora scusa, domani sono intenzionato ad un prelievo di sangue per il test per Hiv, è ancora presto per ciò???
p.s. è iniziata anche la nausea...
distinti saluti.
[#9] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Assolutamente si direi che e' inutile.
[#10] dopo  
Utente 793XXX

Iscritto dal 2008
inutile perchè è presto o inutile perchè letteralmente è inutile poichè non devo preoccuparmi
[#11] dopo  
Utente 793XXX

Iscritto dal 2008
o mamma mia!!!
mi è salita anche la febbre. 37.4°C
cosa faccio???
[#12] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Inutile per la brevità dell'episodio a rischio.
Non si allarmi anche questi sintomi non sembrano correlati per lo stesso motivo di brevità dell'episodio.

Ci tenga aggiornati e faccia un test sotto controllo medico in tempi giusti (il suo medico potrà elencarglieli sulla scorta di quelli che riterrà più opportuni per lei).

Saluti
[#13] dopo  
Utente 793XXX

Iscritto dal 2008
caro Dr. Laino, per la troppa ansia ho deciso di fare il 1° test per hiv lunedì mattino, 4 giorni dopo il rapporto (aspetto la risposta lunedì pross). così forse vedendo un primo esito negativo mi darò una tranquillizzata. ne farò un secondo giusto dopo sei settimane dal possibile contagio. un risultato definitivo dopo quanto tempo si può ottenere???
a volte mi butto nello sconforto pensando ad un possibile contagio, altre volte poi ci ripenso e mi chiedo "può mai essere che mi sia infettato ricevendo sesso orale, pergiunta con profilattico, anche se non conosco la "provenienza" di quest'ultimo??!!" infatti il profilattico, non ne sono sicuro ma forse era già aperto ma ancora arrotolato. ci sono possibilità di contagio con questi presupposti, lo so non mi può dare una risposta certa, ma da un punto di vista personale che ne pensa?!
i sintomi che ho avvertito dopo solo una giornata / due giorni dopo erano quelli di febbre, 37.3°C, malessere, nausea, perdita di appetito, tutto durato 2 giorni e mezzo, eliminati con trizocina compresse e una compressa masticabile per la nausea, alla fine del trattamento di antibiotico ho avuto diarrea per una sola volta, adesso non ho più sintomi ma sono solo preoccupato.
certo di una sua risposta, le invio cordiali saluti
[#14] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Esistono test a rapida sensibilità chieda al suo specialista.
Mi faccia sapere.