Utente 218XXX
Salve ho 42 anni, sono un uomo ansioso, e ho sofferto di attacchi di panico, ultimamente o meglio da circa un mese, avverto non tutti i giorni 1/2 extrasistole, che mi procurano ansia, il mio medico di base dice che solo ansia conoscendomi, l'ultimo elettrocardiogramma risulta fatto nel Agosto 2009, ed è solo l'ultimo dei tre precedenti, fatti al pronto soccorso tutti con esiti negativi.Mi domando devo rifare visite cardiologiche o fidarmi del mio medico di base, vi prego datemi presto un a risposta non riesco più a stare tranquillo.

Vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Un numero così esiguo di extrasistoli rientra nell'assoluta normalità e non deve destare alcuna preoccupazione.
Se però tale sintomatologia, per quanto banale e priva di rilevanza, continuasse a provocarLe disagio ed ingiustificata apprensione, praticando una visita specialistica cardiologica può ottenere conferma "dal vivo" delle condizioni di buona salute del Suo cuore.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la celerità, ma non capisco se è normale perchè le avverto, inoltre quali altri sintomi dovrebbero farmi preoccupare.

grazie e mi scusi, ma oggi per poco non andavo al pronto soccorso, sono angosciato.
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Mi pareva di essere stato chiaro: un certo numero di extrasistoli al giorno sono considerate fisiologiche, e in massima parte esse decorrono in modo asintomatico (non ce ne accorgiamo). In determinare situazioni, quali stati ansiosi, gonfiore addominale, posizione supina, o semplicemente perchè si focalizza l'attenzione sull'attività cardiaca, le extrasistoli stesse possono essere avvertite, SENZA che questo le renda pericolose o minacciose. Le ripeto: la Sua sintomatologia è molto frequente nella popolazione sana.
Se la percezione delle innocue extrasistoli pregiudica la Sua qualità di vita, potrebbe trovare giovamento di un supporto psicologico.
Cordili saluti
[#4] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta mi sono rivolto ad un psicologo e la cosa va molto meglio, volevo chiederle un'altra consultazione, da qualche settimana, avverto come se i muscoli dei pettorale alto tirassero, inoltre a volte mi prende anche il braccio sx, premetto che soffro di cervicale e questa sensazione che non è dolore vero e proprio cambia di intensità cambiando postura o muovendo le braccia o il collo, la cosa mi crea ancora più ansia e la sensazione si accentua, volevo sapere se dipende da problemi cardiaci o dalla cervicale o altro.
grazie e cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Visto le celerità dell'ultima volta volevo sapere se il Dr. Fedi è in ferie, se è possibile ricevere un consulto da un altro cardiologo, visto la mia sofferenza, causata da stati fortissimi d'ansia.

grazie e cordiali saluti
[#6] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
comprenderà come il normale svolgersi della professione "reale" impedisce a me e agli altri colleghi di Medicitalia di rispondere istantaneamente alle richieste di consulto. La nostra attività sul Sito è volontaria, gratuita e necessariamente confinata nel tempo libero di ciascuno di noi, per cui non è possibile equipararla ad un Pronto Soccorso "virtuale" nè tanto meno ad una chat. E' necessario quindi che l'utente aspetti pazientemente le risposte, che talvolta possono arrivare anche dopo alcuni giorni.
Fatta questa doverosa premessa, Le confermo che i sintomi che riferisce non appaiono di pertinenza cardiologica, e che stavolta sembrerebbero attribuibili ad un transitorio, piccolo disturbo di natura osteo-muscolare.
Comunque, se il problema persistesse anche nei prossimi giorni (eventualità alquanto improbabile), Le consiglio di consultare il Suo medico per una visita "dal vivo".
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Mi scuso, Dr. Fedi, se sono stato in qualche modo sgarbato o maleducato nei suoi confronti e quello dei suoi colleghi, vorrei approffitare per dirle che il vs contributo è sicuramente efficace, soprattutto nei soggetti ansiosi come me, e voglio ringraziarla nuouvamente scusandomi. Quindi i miei sintomi possono essere legati alla mia cervicale o al mio stato d'ansia ???

Grazie ancora e cordiali saluti
[#8] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Forse la mia risposta precedente non è risultata sufficientemente comprensibile, e me ne scuso. Provo ad essere più chiaro: dal Suo racconto sembra che i Suoi sintomi di oggi siano dovuti ad un piccolo problema articolare o muscolare (perchè no, anche a partenza della colonna cervicale), non certo ad una malattia cardiaca. Se è così il sintomo dovrebbe sparire da solo fra qualche ora o al massimo qualche giorno, ma nel caso dovesse persistere ulteriormente si rivolga al Suo medico per farsi visitare.
Cordiali saluti
[#9] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Dr. Fedi buongiorno, nonostante abbia seguito il suo consiglio andando da un psicologo, oggi dopo pranzo, ho avuto ancora un episiodo di extrastitole pernso 3/4, ero tranquillo e sdraiato sulla sedia, mi sono dovuto alzare colto dal panico, mi domando è plausibile che si sentono anche in momenti di apparente calma.
La ringrazio per la sua disponibilità nei miei confronti.

Cordiali saluti

[#10] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Il compito dello psicologo non è certo quello di sopprimere le extrasistoli, ma di cercare di evitare che vengano percepite dal paziente come eventi pericolosi. E' un percorso lungo, che va continuato con fiducia.

Per il resto, La invito a rileggere la mia replica #3, il cui contenuto è applicabile integralmente alla Sua domanda di oggi.

Cordiali saluti
[#11] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta, continuerò a seguire il suo consiglio, la replica # 3 e quella che non sono problemi di origine cordialogicia??? Nonostante siano extrasistoli.

Grazie e Cordiali saluti
[#12] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Mi scusi ho visto adesso dove sono le numerazioni delle risposte....

Grazie per il tempo dedicatomi
[#13] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno, Dr. Fedi mi rivolgo sempre a Lei, per una sua cortese delucidazione, oggi dopo un extrasistole, non so se per paura o altro, ho avuto 20/30 secondi di tachicardia, leggendo che le extrasistole possono innescare la fibrillazione, sono molto preoccupato, e non so se la tachicardia è dovuta alla mia paura o ad altro. Intanto la informo che le mie sedute con il psicologo continuano. Attendo ansiosamente un suo riscontro.
Cordiali saluti
[#14] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Con i limiti di un consulto a distanza, ritengo che la tachicardia da Lei avvertita sia in qualche modo collegabile alla singola extrasistole. In altre parole, il fugace aumento della frequenza cardiaca può essere legato allo stato ansioso provocato dalla percezione del battito prematuro.
Cordiali saluti
[#15] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta, ma è vero che le extrasistole possono innescare la fibbrillazione ed è pericolsa ???

Scusi ancora e molte grazie
[#16] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
In rari casi (NON nel Suo caso!), in soggetti predisposti, cardiopatici noti o affetti da altre patologie, episodi di fibrillazione possono anche essere preceduti da un battito extrasistolico. Ma questa è un'altra storia, e fortunatamente non La riguarda.
Cordiali saluti
[#17] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
buongiorno, scusi se sono diventato il suo tormento, da qulche giorno, ho come una spece di fastidio o tensione superficiale al petto alto, soffro di cervicale , è notato che muovendo le spalle indietro o il collo questo specie di fastidio si accentua, ma siccome mi capita a volte anche a letto mi sembra che prenda il centro del petto la parte più alta e mi spavento pensando qualcosa di cardiaco, la pressione è apposto, anche in passato avevo sofferto di episodi simili, è ad una visita cardiologica mi avevano detto che erano problemi di muscolatura. la mia domanda è come posso escludere che siano problemi cardiaci ora ???

grazie per la sua solita e tempistiva risposta.

p.s.: sottosforzo il fastidio non aumenta
[#18] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Se l'intensità del dolore si modifica con i movimenti di spalle e collo, possiamo essere pressochè certi che non vi è alcuna correlazione col cuore.
Cordiali saluti