Utente 219XXX
gentili dottori, buongiorno, spero di rivolgermi allo specialista adatto. La situazione riguarda mio marito, 78 anni portati alla grande, malgrado i vari problemi che lo affliggono: diabete (insulinodipendente), neuropatia, ipertensione, colesterolemia,probl. di prostata,sovrappeso, comunque ben compensati con i farmaci : Humalog, Levemir, Cymbalta, Lyrica, Nebilox, Blopresid, Catapresan cerotto, Avodart e Omnic. Da qualche anno a questa parte soffre, dalla primavera all'autunno e in particolare d'estate, di una forma di sudorazione molto intensa, localizzata sopratutto nella nuca e nel tronco. D'estate poi, anche senza alcuno sforzo è un continuo fare docce, asciugarsi e risudare. I vari medici interpellati (m.d.b., dermatologo e diabetologo) non hanno risolto il problema, limitandosi e consigliare creme, talchi e un clima fresco. In questi giorni siamo stati in montagna ma nella sala da pranzo dell'albergo, tanto per darvi un'idea, la situazione era questa: uomini di una certa età in pantaloni lunghi e camicia con le maniche arrotolate e mio marito in calzoni corti e canottiera, con un ventaglio in una mano e un fazzoletto nell'altra per asciugarsi il sudore. Rientrati a casa, con 30°, subito 2 docce e a dormire sotto il condizionatore. A parte il pericolo di prendersi una polmonite con questi sbalzi di temperatura (cosa già capitata una volta), non si può vivere continuamente sudati. Saranno tutti i farmaci che da anni ingoia a creare questo disturbo? C'è qualche esame da effettuare per capire da cosa può dipendere questo inconveniente? Siete voi la nostra ultima speranza. Grazie per la vostra disponibilità e per il servizio che rendete agli utenti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alberto Calvieri
40% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Gen.tle Utente
la sua richiesta evidenzia una preoccupazione lecita ma ritengo non preoccupante stante al buon andamento delle indagini eseguite; una eccessiva sudorazione nel diabetico non è infrequente sopratutto se il paziente è in forte sovrappeso oppure addirittura obeso: in tal caso proverei a ridurre il peso corporeo per verificare se compaiono miglioramenti; un'altra valutazione è anche quella della tiroide che in questi casi è sempre d'obbligo qualora non l'avesse già fatto. Per ultimo i farmaci: è notorio che essi possono incrementare l'attività delle ghiandole sudoripare quale meccanismo di eliminazione di metaboliti dei farmaci stessi
Altre cause è difficile ipotizzarle al momento
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 219XXX

Iscritto dal 2011
gentile dr. Calvieri, grazie per la cortese risposta. Provvederemo agli esami della tiroide che non sono mai stati effettuati. La terremo informato sull'andamento del disturbo. Grazie ancora, buon lavoro e cordiali saluti.