Utente 451XXX
Egregi Signori
Sono un uomo di 39 anni, ho da qualche tempo una cisti al dito medio.
È situata proprio sull’articolazione, ha la grandezza di circa un chicco di grano, al tatto è molle e solo se schiaccio forte fa male.
Da un po’ di tempo è di colore rosso, potrebbe essere infiammata?.
Quali sono i metodi di cura e trattamento?
Grazie in anticipo per il vostro aiuto
Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuliano Lucani
32% attività
12% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2005
Prenota una visita specialistica
Egregio Signore,
per poter esprimere un giudizio sulla "cisti" che lei descrive, occorrerebbero altre informazioni come, ad esempio, se è sulla superficie palmare o su quella dorsale del dito, se è mobile o fissa, sel'arrossamento è marcato o solo appena accennato. Le ipotesi diagnostiche, e il conseguente trattamento, sono infatti molte, dalla cisti tendinea a quella sinoviale(dell'articolazione), dal granuloma piogenico a una neoformazione cutanea che si chiama cheratoacantoma. Credo che la soluzione migliore sia quella di farla visionare da uno specialista(chirurgo), che le suggerirà il miglior metodo di trattamento. Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 451XXX

Iscritto dal 2005
Egregio Dr Lucani,
grazie per la sua risposta. Ecco alcune aggiunte, la cisti è sulla parte dorsale del dito medio, proprio sull'articolazione a metà dito. È fissa e l'arrossamento è pittosto pronunciato, solo se tengo la mano verticalmente (verso l'alto) scompare, ma la cisti rimane visibile.
Seguirò sicuramente il suo consiglio e la farò visionare da un chirurgo. Grazie ancora e Distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Simone Cigni
28% attività
0% attualità
12% socialità
VOGHERA (PV)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
non è facile darLe una diagnosi corretta senza visionare direttamente la sua mano. A mio parere è necessario in prima istanza un esame ecografico (eseguito da un ecografista di provata esperienza, dato che l'esame è molto operatore-dipendente). Successivamente si potrà decidere se apporofndire l'iter diagnostico o eseguire direttamente la asportazione chirurgica e l'esame istologico (nella mia esperienza quasi sempre necessari). Ribadisco comunque la primaria necessità di una visita ortopedica (chirurgo della mano) prima di ogni passo successivo.
A disposizione per chiarimenti,
cordialmente
[#4] dopo  
Prof. Massimo Schiavone
24% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2000
se dopo terapia antinfiammatoria (consulti un reumatologo) non scompare si rivolga ad un chirurgo