Utente 219XXX
Salve, vi scrivo per chiedere un consulto specifico sul caso che segue:
mia madre ha 47 anni e dopo tutti i vari esami le è stato riscontrato un'aneurisma addominale della aorta (dilatazione di circa 5,7 cm) e come di routine le è stato consigliato di operarsi. Questa mattina c'è stata l'operazione, ma il riscontro non era previsto. I medici dicono che dopo aver aperto, non è stato possibile operare perchè la parte della aorta dilatata presentava al suo esterno una massiccia calcificazione di circa 0,5 cm (nel punto da sostituire con protesi), non percettibile attraverso gli esami a cui si è sottoposta. Ci hanno rassicurato dicendoci che il caso in questione è raro e che praticamente è come se l'organismo avesse creato una protesi naturale. Ora bisogna constatare se questa calcificazione si sia creata nella parte interessata casualmente o è qualcosa di più specifico. Vi chiedo gentilmente delucidazioni in merito, e se ci fossero, quali sono gli eventuali rischi.

Grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Croce
20% attività
0% attualità
12% socialità
RAGUSA (RG)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2003
Un aneurisma dell'aorta addominale di quasi 6 cm in una donna di soli 47 anni è già, di per se una cosa strana.
Le calcificazioni sono facilmente visibili, sia alla tac, sia semplicemente con una radiografia in bianco.
Il discorso della protesi naturale non ho capito dove vuole portare; secondo gli operatori non è necessario operare?
La cosa è abbastanza strana. C'è qualcosa che non funziona. Le consiglio di rivolgesi ad altro specialista qualificato per ulteriori approfondimenti della situazione di sua madre.