Utente 117XXX
Buon giorno volevo avere alcune informazioni su queste sostanze in particolare sul testosterone enatato poiche io pratico sport da alcuni anni e vorrei eseguire un ciclo di testosterone da 400 mg a settimana per 6 settimane con del nolvadex a portata di mano per effeti colaterali ovviamente se sarà possibile sotto controllo del mio medico curante però vorrei sapere se veramente ci sono quante possibilità ci sono che si manifestino effetti colaterali i con un ciclo come quello che ho detto... Poi specifico che ho intenzione di farne solo uno e poi basta xke so che a lungo andare ci rimetterei la salute... E che so quali effetti colaterali si possono manifestare ginecomastia,ingrandimento della prostata, problemi testicolari ecc. Per quello ho scelto di non fare un ciclo superiore a 6 sett.. E poi assolutamente non farne più... Se potete darmi un informazione per non avere problemi di salute vi ringrazio... Buon giorno volevo avere alcune informazioni su queste sostanze in particolare sul testosterone enatato poiche io pratico sport da alcuni anni e vorrei eseguire un ciclo di testosterone da 400 mg a settimana per 6 settimane con del nolvadex a portata di mano per effeti colaterali ovviamente se sarà possibile sotto controllo del mio medico curante però vorrei sapere se veramente ci sono quante possibilità ci sono che si manifestino effetti colaterali i con un ciclo come quello che ho detto... Poi specifico che ho intenzione di farne solo uno e poi basta xke so che a lungo andare ci rimetterei la salute... E che so quali effetti colaterali si possono manifestare ginecomastia,ingrandimento della prostata, problemi testicolari ecc. Per quello ho scelto di non fare un ciclo superiore a 6 sett.. E poi assolutamente non farne più... Se potete darmi un informazione per non avere problemi di salute vi ringrazio...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
a parte gli effetti collaterali da Lei accennati compreso una maggiore incidenza di cancro della prostata c'è un effetto collaterale che Lei non ha esposto:
l'assunzione di testosterone "esterno" aumenta il livello del testosteronemia ( il livello di test. presente nel sangue) e di conseguenza l'ipofisi che è un po la "cabina di regia" ordina ai testicoli in particolare di non produrne più.
Qs significa che dopo il ciclo di farmaci androgenici inevitabilmente si ha una diminuizione di testosterone nel proprio sangue con conseguente diminuizione della libido e della potenza sessuale e qs in una persona di 21 aa è a dir poco spiacevole.
L'assunzione di testosterone in medicima è indicata proprio quando il livello di test nel sangue è basso e nessun medico degno del giuramento di di ippocrate Le potrà dare un assenso al suo uso sconsiderato.
Quindi non me ne voglia, ma è assolutamente sconsigliabile anche un uso salturaio.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Francesco Ciociola
24% attività
4% attualità
12% socialità
()
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
gentile collega,

la terapia con testosterone e nolvadex (2 molecole molti distinte tra loro ma con dei target molto specifici quanto delicati) è praticata sotto controllo medico in presenza di accertata carenza ormonale e NON ALTRO. Infatti si parla in questi casi di terapia sostitutiva.

in tutti gli altri casi, qualsiasi posologia e durata della terapia forza un meccanismo delicato, quello dell'ipofisi già descritto, che esula dal principio: primum non nocere!!!!

ciò significa che, non garantiti i risultati della terapia che ha enunciato e quasi certi degli effetti collaterali che potrebbero derivarne, comunque imprevedibili, è fortemente sconsigliato l'utilizzo..


preciso che anche i preparati in commercio (clandestino) sono ancor piu pericolosi dal momento che è noto che sono "sofisticati" quindi mischiati con altre sostanza ignote, per cui è bene starne lontano.


ritengo utile che ne parli col suo medico di fiducia.

cordialità

[#3] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

concordo col collega che mi preceduto.

la invito a parlarne con uno specialista

distinti saluti
[#4] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
Grazie delle informazioni a tutti i dottori... E mi scuso se ho fatto intendere di volere consigli su come utilizzare questa sostanze... Ma le mi domande sono solamente a scopo informativo...comunque la reale possibilità che il mio corpo non produca più testosterone dopo un solo ciclo di 6 settimane e basta e molto alta? Xke io ho parlato con alcuni ragazzi che hanno già fatto uso una volta sola e poi basta di questa sostanza e dicono di non avere avuto problemi... Però io mi ritengo una persona abbastanza responsabile per questo ho chiesto informazioni a voi gentil dottori... E vi sono grato di tutte le informazioni che potete darmi in merito sui reali rischi su l uso da me descritto grazie mille a tutti quanti
[#5] dopo  
Dr. Francesco Ciociola
24% attività
4% attualità
12% socialità
()
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

ogni caso clinico è ben diverso tra ogni paziente, anche in presenza di medesime malattie; quello che fanno gli altri perciò non deve contare.

le temibili interferenze sulla sua produzione endogena di testosterone dopo terapia non sostitutiva sono reali.

distinti saluti
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

l'uso degli anabolizzanti nelle pratiche sportive è molto diffuso perchè può aumentare le masse muscolari , la prestanza fisica e le prestazioni. E' chiaro che la assunzione di sostanze ormonali in eccesso a quelle prodotte dall'organismo può indurre alterazioni fisiche , metaboliche e comportamentali anche durature e definitive.
L'assunzione di testosterone NON può provocare il cancro della prostata ma deve essere prescritta da uno specialista dopo accurata valutazione del caso
cari saluti