Utente 198XXX
Salve, in inverno avevo già inoltrato una domanda simile, infatti mi ero accorta che alcune volte, mentre ero a riposo, il battito del mio cuore aumentava improvvisamente e poi pian piano diminuiva. Il punto è che queste situazioni hanno continuato a verificarsi. Ho cominciato a misurare i battiti di tanto in tanto e mi sono resa conto che, sempre a riposo, i miei battiti non sono mai inferiori ad 82 al minuto. A volte ho come la sensazione che si blocchi per un secondo e subito dopo lo sento pulsare fortissimo, altre volte sento i battiti come nella pancia. Volevo chiedere di cosa potrebbe trattarsi e se sarebbe il caso di fare qualche accertamento.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
premesso che i suoi sintomi possono esser del tutto normali alla sua età, le consiglierei di parlarne con il suo curante, sulla eventualità o meno di valutare la funzionalità tiroidea.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Massimo Scorretti
24% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
La percezione dell'attivita' cardiaca e' un fatto del tutto personale. Molte persone riescono a percepirla nitidamente, cogliendo la regolarita', la ritmicita' dei battiti o alcune variazioni aritmiche come ad esempio le cosiddette extrasistoil. Il cuore dal canto suo, pur funzionando perfettamente, puo' durante la sua attivita' subire accelerazioni e decelarazioni ritmiche, in quanto reagisce a tutta una serie di stimoli (emotivi, temperatura, attivita' fisica ecc.). Anche eventuali eventi aritmici, del tutto episodici e non continuativi, non rappresentano un fenomeno patologico.Un consiglio che le do e' quello di non stare tutto il tempo con il polso in mano a contare i battiti, in quanto proprio questo atteggiamento potrebbe essere la caudsa di accelerazioni e decelarazioni legate al fatto che in quei momenti lei modifica il suo atteggiamento respiratorio ed il suo livello di attenzione e di allarme. Chiaramente mi associo a quanto detto dal collega sopra di esplicitare tali osservazioni al suo medico curante che di sicuro le indichera' ulteriori suggerimenti e strategie di supporto per dare conforto alle sue richieste e preoccupazioni. Un Saluto
[#3] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2011
Ringrazio per le risposte. Comunque il conteggio dei battiti lo faccio quando sento queste particolari aritmie o un particolare malessere, dato che la prima volta che mi sono resa conto di questi sintomi, in maniera più nitida, un mio amico propose di controllare i battiti che erano 120.