Utente 113XXX
Qualche tempo fa, un pò per curiosità un pò perchè soffro di allergia e di una sinusite mascellare cronica che non so se curare con una operazione, ho effettuato un mineralogramma del capello.

Teconolia: ICP-MS


E' risultato (valori fuori dal normale):

Mercurio mg/g 4,5 o 95th percentuale (normale sotto 0,8)

Cromo 0,11 mg/g o tra 84th e 97,5th (normale 0,4 -0,7)

Litio: > 0,004 mg/g o 2,5th percentuale (normale 0,007 - 0m020)
Cobalto: 0,003 mg/g o tra 2.5 e 16th (normale 0,004 - 0,2)
Germanio: 0,023 mg/g o tra 2,5 e 16th (normale 0,03 - 0,04)


Mi potreste spiegare questi risultati e quali terapie dovrei pensare di intraprendere se fosse necessario?

Grazie

[#1] dopo  
Dr.ssa Margherita Andreina Magazzini
24% attività
0% attualità
12% socialità
LIVORNO (LI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Parto dalla spiegazione dei livelli di mercurio e cromo.
Si tratta di metalli pesanti che nel Suo caso superano i livelli normali e ciò sta ad indicare una intossicazione da tali metalli pesanti che va trattata perchè essi nel tempo causano danni alla salute.
Vanno ricercate inoltre le fonti di provenienza ovvero da dove li ha presi.
Quanto agli altri minerali essi fanno parte dell'organismo e possono essere soggetti a variazioni
Sicuramente nel mineralogramma ci saranno altri dati importanti come il rapporto fra i minerali che se alterati significano alterazioni di funzione di organi differenti. Ci vogliono più elementi per valutare
Disponibile a ulteriori informazioni
Cordiali saluti
Dottoressa Margherita Andreina Magazzini
[#2] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Consulti un dentista esperto nella rimozione protetta delle amalgame dentarie.
Verosimilmente i livelli di mercurio decisamente più elevati della norma sono dovuti alla presenza di otturazioni, o nel passato, o nel tempo attuale.
L'abitudine al consumo di pesce di trossa taglia (tonno o pesce spada, ad esempio), le cui carni sono ricche di mercurio, porta ad accumuli più limitati nell'organismo rispetto a quello di provenienza dentale.