Utente 521XXX
Cari esperti, vi chiedo perchè stando in piedi mi riesce difficile raggiungere l'erezione ,mentre in posizione supina (pur con difficoltà )riesco a raggiungere l'erezione?
Ancora:In estate è meno difficoltoso avere rapporto mentre col freddo vado in letargo.C'è una spiegazione scientifica a tutto questo?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
La spiegazione è che la sessualità è principalmente "di testa".
Voglio dire che l'estate o la posizione orostatica aumentano la sua libido da cui la sua maggiore potenza.
Non conosco altre giustificazioni a quello che Lei chiede.
Auguri di buone feste .
[#2] dopo  
Utente 521XXX

Iscritto dal 2007
Vorrei aggiungere che questa situazione non mi fa vivere una sessualità serena.Credo di non somigliare agli altri che lo fanno come,quando e dove vogliono .La presenza del nudo ,mi eccita, ma non ottengo subito l'erezione.Ho problemi ,e in che modo affrontarlo?Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore ci sono degli specifici esami diagnostici per la diagnosi di una disfunzione erettiva su base psicogena oppure su base organica, pertanto le consiglio una visita specialistica se il suo problema permane.
Cordiali saluti
Dott. Patrizio Vicini
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

al di là di situazioni "un po' particolari" o "eccitanti" esitono fattori organici di tipo vascolare che possono determinare diversa risposta erettile in diversa posizione corporea.
Si faccia valutare da uno specialista che valuti ( esame Rigiscan, EcoColorDopplerPenieno Dinamico) la sua situazione
cari saluti
Diego Pozza
www.erezione.org
[#5] dopo  
Utente 521XXX

Iscritto dal 2007
Risultati ecocolor doppler penieno con farmaco stimolazione :introcavernosa(alprostadil 10 microg)
DOPO SOMMINISTRAZIONE VALIDA RISPOSTA ERETTILE ENTRO 10 MIN DALL'INIEZIONE.
Arteria dorsale dx:vel. picco sistolico 23,7 cm/sec
telediastolica: 8,4 ""

Arteria cavernosa sx: picco sistolico:20,4 ""
telediastolica 10,2 cm/sec

ASSENZA FUGHE VENOSE.
NON SI NOTANO BILATERALMENTECOMUNICAZIONI TRA LE ARTERIE CAVERNOSE E DORSALE.


p.s:Dott.POZZA può gentilmente darmi ulteriori dettagli circa i "fattori organici che determinano la diversa risposta erettile in diversa posizione corporea"?.

Vi ringrazio tutti anticipatamente.
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

mi sembra che la risposta dell'esame doppler sia un po' "presuntuosa" nel senso che categoricamente escludere una Patologia Veno Occlusiva Cavernosa ( il termine "Fuga Venosa" non viene più usato da qualche anno)sulla base di un esame con stimolazione con 10 mcg di PGE1 mi sembra un po' eccessivo.
Esistono situazioni di alteranto drenaggio venoso che consentono una accettabile erezione solo in posizione eretta, patologie arteriose particolari ( che lei sicuramente non presenta) come la sindrome di Leriche consentono una valida erezione solo in concomitanza con certe posizioni o certi contrazioni muscolari,........
Rimane il mio consiglio, se vuole chiarire meglio il suo problema, di approfondire la diagnosi
cari saluti
[#7] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore
Ha riportato dei parametri sia della velocità di picco sistolico che telediastolica al di fuori della norma..ed invece le conclusioni indicano che è tutto nella norma, c'è qualche incongrutità.
Cordiali saluti
Dott.Patrizio Vicini
[#8] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
che in una grande percentuali di maschi le basse temperature non siano di aiuto all'ottenimento di una buona erezione mi pare un dato di fatto incotrovertibile, sperimentabile in qualsiasi occasione un pò da chiunque, di certo più di una credenza popolare. Sul fatto che la posizione ortostatica peggiori la Sua erezione o la renda più difficoltosa, beh...dovremmo considerare vari ulteriori fattori, ad esempio il Suo peso, la Sua costituzione fisica, eventuali patologie associate venose degli arti inferiori, nefropatie e quant'altro. ne parli con il Suo Andrologo. Credo che potrebbe essere interessante studiare questo problema. Ovviamente giustissimo e condivisibile quanto accennato dal Collega VICINI nella Sua prima risposta.
Ci tenga informati se lo ritiene utile ed opportuno.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed auguri per un sereno Natale ed un felicissimo Nuovo Anno.
Un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#9] dopo  
Utente 521XXX

Iscritto dal 2007
Aggiungo "l'indice di resistenza" uguale a 1.
Perdonatemi, ma vi ho riferito ciò che ha scritto testualmente
l'uroandrologo durante la mia prima visita.
Potrei conoscere i valori che possono rapprentare la norma riguardo l'esame ecografico e se possibile ,scusate l'insistenza, sul mio deficit erettivo nella posizione eretta e quali esami effettuare?
Sono alto 1,67 e peso 67 kg, non ho mai avuto problemi agli arti inferiori,Non bevo alcol nè fumo ma amo il caffè(da 3 a 5 tazzine al di') e mangio molta pasta (se può essere utile al Prof. GIOVANNI MARTINO)
Grazie a tutti.
[#10] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
non creda che almeno personalmente voglia defilarmi dalle Sue ragionevoli richieste di delucidazioni. Ma ritengo più utile che a valutare la Sua situazione sia un Collega Specialista "reale" e non "mediatico". Potrebbe rivolgersi presso gli Ambulatori di Andrologia o Urologia di Strutture Pubbliche Universitarie od Ospedaliere della Sua città. Lei ha bisogno di essere seguito clinicamente in maniera proficua.
Ancora affettuosi auguri
Cordialmente
Prof. Giovanni MARTINO
[#11] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
CARO LETTORE,

nell'ambito del Forum potrà trovare i nomi di esperti specialisti in andrologia che operano nella sua città e che potranno aiutarla
cari saluti