Utente 522XXX
Salve a tutti,ho 23 anni ed ormai da 2 mesi e mezzo soffro diquesto problema!Ho già consultato un dermatologo che mi ha detto ke si trattava di una fimosi dopo aver consultato un andrologo!Mi è stata prescritta una cura a base di vitamine E (sursum) e una pomata..ma nonostante i miglioramenti quasi totali poi in qualche giorno ritorno nella stessa identica situazione!
Per avere un ulteriore consulto,prima di farmi circoncidere,mi sono fatto visitare da un urologo (in un momento in cui la situazione nn era così grave),il quale mi ha detto appunto ke forse avevo avuto tempo fa una balanopostite e ke ora nn avevo niente,solo una leggera infiammazione:mi ha detto di lavarmi 2 volte al giorno con la saugella uomo e con acqua e bicarbonato ma il problema si è riproposto nuovamente per la quarta volta in 2 mesi e mezzo:tutto comincia con un leggerissimo fastidio (nn dolore),pian piano la pelle del pene comincia a corrugarsi,la pelle del prepuzio si indurisce e nn riesco più a scappellarlo se nn utilizzando un qualce lubrificante,per es la saugella stessa,successivamente il glande comincia a spellare (la prima volta ke è successo tutta la pelle se ne è andata interamente mentre lo stavo sciacquando e io sono svenuto!) e la pelle sembra attaccata al glande,la pelle vicino al frenulo!!Dopo tutto questo comincia un periodo mdi miglioramento durante il quale talvolta è ritornato tutto normale per 2 giorni..ma poi ricomincia il tutto!!!
Tutto questo nn mi procura dolore,a volte un pò di fastidio...ma è ormai da 2 mesi e mezzo ke va avanti questa storia!
PS:nn so se può influire,ma prima ke accadesse tutto questo visto ke la mia ragazza ha avuto la candida ma all'inizio nn se n'era accorta e visto ke io cominciavo ad avvertire un leggero bruciore ho subito usato il canestren per qualche giorno...ma i dottori mi hanno detto ke attualmente nn si tratta assolutamente di candidosi!
Grazie per le risposte,aiutatemi,vi prego...nn mi sto assolutamente ponendo il problema di consultare dottori,si tratta della mia salute,però sembra ke neanke tutto questo serva...sono sempre nelle stesse condizioni!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
32% attività
20% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Gentile Utente direi che non avendo visione diretta del problema confrontandoci in sede telematica,il mio consiglio è quello di farsi vedere presso un centro MTS(malattie sessualmente trasmesse)ove troverà un Dermatologo Venereologo il quale saprà, se necessario, indicarle gli esami(tra i quali anche un semplice controllo della glicemia) più appropriati nel suo caso, in modo da rendere più definiti i contorni del problema che ci descrive.
Se vuole poi ci tenga informati sugli esiti.
Cordiali Saluti
Dr.Alessandro Benini
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

spesso infezioni, anche da funghi (candida), possono alterare le strutture elastiche della pelle del prepuzio tanto da provocare una fimosi ( restringimento del prepuzio con difficoltà-impossibilità a scoprire il glande).
Se queste modificazioni "anatomiche" si sono verificate non credo che terapie mediche, applicazioni, unguenti, lavande possano restituite al suo prepuzio la elasticità normale
Ne parli con un dermatologo se preferisce ma senta anche un chirurgo o uno specialista andrologo-urologo per la soluzione definitiva
che, a mio modesto parere, quasi sempre è chirurgica
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Benini
32% attività
20% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Certamente dopo aver definito meglio la causa del suo problema dermatologico (ci sono dermatosi che vanno escluse come, per fare solo un esempio, ma ce ne sarebbero tante altre, il lichen sclerosus che condizionerebbero anche sul come dover intervenire) il passo successivo è la sua risoluzione che porterà al consulto gli specialisti riferiti dal collega Pozza.
Cordiali saluti
Dr.Alessandro Benini