Utente 131XXX
Buongiorno, ho intenzione di farmi tatuare con inchiostro nero, ma vorrei prima assicurarmi, nei limiti del possibile, che non sia allergico alle sostanze utilizzate e di cui purtroppo non posso avere in anticipo un campione (il tatuatore, professionista affidabile, si trova a oltre 400 km da casa mia).
L'anno scorso ho effettuato le canoniche analisi allergologiche e la diagnosi è risultata essere questa: sensibilizzazione al polline di graminacee, parietaria e agli acari della polvere domestica. Queste mie allergie mi rendono predisposto verso un'allergia anche all'inchiostro?
Negli anni ho inoltre notato che indossare collanine o bracciali metallici non acquistati in gioielleria provoca rossore e l'insorgenza di piccole bollicine sulle parti toccate: vuol dire che sono allergico al nichel? Ho letto del patch test: è utile farlo per prevenzione prima di tatuarmi?

Grazie in anticipo!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buonasera,
premesso che l'allergia ai componenti dei prodotti per tatuaggio è un evento relativamente raro, il rischio è presente per tutti; al Suo posto ci penserei molto bene dato che già sa di presentare uno stato di atopia, peraltro con una sospetta dermatite allergica da contatto.
Il patch test potrebbe confermare l'allergia al nichel, eventualmente svelare qualche altra sensibilizzazione (tutte sostanze ovviamente da evitare); ma anche se risultasse negativo non le darà alcuna sicurezza circa eventuali reazioni future.
Saluti,