Utente 147XXX
Buonasera, ho un'insufficenza aortica di grado medio (EF 55% - aorta 3.6 mm) causata da una valvola bisuspide, non ho particolari sintomi, dato che nel mio lavoro spesso si sollevano pesi, vorrei chiedere una delucidazione su quando considerare uno sforzo un sollevamento pesi? Insomma fino a quanti chili posso alzare? grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
101860

Cancellato nel 2013
Il mio consiglio è di eseguire un ecocardiogramma ogni anno per valutare l'entità dell'insufficienza aortica, la riduzione della funzione ventricolare e l'eventuale dilatazione dell'aorta ascendente (abbastanza frequente nelle bicuspidie). Non esiste un limite definito riguardo l'entità di sforzi che si possono o non si possono eseguire. Dipende da come si sente lei.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 147XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille Dr. Bardi per la risposta, cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 147XXX

Iscritto dal 2010
Buonasera dottore, sono tornato per aggiornarla e le posto l'esito del ultimo ecocardiogramma effettuato,

Nei limiti la diametria cavitaria. Normali spesori di parete: Preservata funzione sistolica globale e segmentaria del ventricolo sinistro (FE 60-65%). Lieve insufficienza mitralica.
Aorta bicuspide, con lieve insufficienza. Assenza di gradiante transvalvolare. Normale funzione diastolica del ventricolo sinistro. Preservata funzione sistolica longitudinale del ventricolo destro. PAPs stimata nei limiti. Pericardio indenne. VCI non dilatata, con preservata escursione respiratoria.

Cosa ne pensa??

Grazie saluti.
[#4] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
Mancano i dati relativi alla aorta ascendente che non si capisce se abbia un diametro conservato oppure se è dilatata.
Come le aveva scritto il collega in precedenza è importante la valutazione della aorta ascendente nella bicuspidia.

cordialmente