Utente 220XXX
Salve dottore, sono un ragazzo di 21 anni.
Premetto che è da circa un mese e mezzo che attraverso un periodo di fortissima ansia e stress. L'ansia è data dal fatto che, per motivi che non sto qui a spiegare, mi sono autodiagnosticato diverse malattie gravi.
Voglio precisare che fin'ora non ho mai avuto problemi di cuore, vari medici che mi hanno visitato per altri motivi, mi hanno detto solo, sentendo il battito, che sono una persona ansiosa ( e come negarlo..). In ultimo, circa 7 mesi fà, mi disse la stessa cosa anche il medico della palestra dove mi sono iscritto che eseguì anche un ecg.
Ultimamente sono spesso colto da attacchi di tachicardia e altre volte sento il cuore come se battesse non più velocemente ma in maniera molto più "potente".
Inoltre una sera mi sono svegliato di soprassalto con un'aritmia, e per circa un'ora ogni volta che cercavo di addormentarmi sentivo un qualcosa di strano al cuore, non so come meglio definirlo, un lievissimo ma fastidioso sobbalzo che istantaneamente passava.
Io sto associando tutto questo all' ansia, ma mi chiedo, è possibile che quello che sentivano i medici e che hanno fatto passare per ansia, in realtà era qualcos'altro?
Inoltre volevo sapere se i disturbi che sto accusando al cuore, essendo ormai protratti da giorni, ovviamente non in maniera permanente, potessero portare altri problemi: sensazione di bruciore di stomaco, dolori/fastidi alla parte sinistra del collo, sotto il mento, dove si sente il battito)
Ultimamente avverto anche problemi respiratori. Il medico curante non ha trovato niente alle spalle, ma solo la gola infiammata. Quindi volevo sapere se la mia sensazione di oppressione al petto può essere causata dal cuore.
Grazie della cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Tutti i sintomi che riferisce sono tipici di uno stato ansioso.
Ne parli con il curante, e decidete insieme se è il caso di praticare una consulenza neuropsichiatrica per risolvere il problema che Le sta condizionando pesantemente la qualità di vita.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 220XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la celere risposta dottore. Anche il medico curante pensa che sia tutto dovuto ad ansia e stress. Già ho intenzione di prenotare sia una visita cardiologica che una neurologica giusto per escludere definitivamente problemi veri e poi affrontare l'ansia. Quello che più mi premeva sapere era, come dicevo, se lo stato ansioso riferito da tutti i medici che mi hanno curato, potesse celare altro.
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Ripeto che a mio parere la prima cosa da fare è interpellare il neuropsichiatra, che stabilirà il prosieguo del percorso diagnostico e terapeutico.
Cordiali saluti