Utente 243XXX
Da alcuni anni circa 4 soffro di di impotenza che a 32anni non e' il massimo della vita,ho fatto diverse visite andrologiche da 3 specialisti diversi ed escluse cause di tipo psicologiche e ormonali e fisiologiche l'unico rimedio e' l'uso continuo di viagra o levitra(sto assumendo il secondo)dopo i fallimenti di apomorfina e testogel.i risultati ci sono il problema e' che il giorno successivo all'assunzione sono privo di forze e sento come un senso di stordimento durante le ore di efficacia.Alla luce di potenziali problemi alla vista che sono stati ampiamente documentati su riviste mediche (tipo la perdita della vista ad un occhio)mi sto facendo qualche problema legato anche al costo del farmaco.il mio problema e' legato al mantenimento dell'erezione,il pene diventa turgido poi basta una minima distrazione e si sgonfia subito in pochissimi secondi creando ansia a entrambi(tutto questo senza l'assunzione di levitra che invece mantiene il turgore),il problema l'avevo un po' anche una decina di anni fa ma adesso comincia a dare veramente fastidio.Ho letto su siti medici che si praticava e si pratica ancora la legatura della vena dorsale e di altre vene per risolvere questo tipo di problema vi assicuro veramente debilitante anche perche' non c'e' un reflusso minimo ma e' quasi immediato.Vorrei chiedere se nel mio caso e' possibile effettuare tale intervento se voi li fate e se ci sono controindicazioni come il priapismo e se e' un intervento convenzionato o a pagamento.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

la soluzione del Deficit Erettile da Disfunzione Veno Occlusiva Cavernosa (Fuga Venosa) che non risponda più ai farmaci orali (Viagra, Levitra, Cialis) potrebbe essere affrontata con la terapia AutoIniettiva Cavernosa (Caverjet) o con soluzioni chirurgiche ( a mio parere le migliori).
La chirurgia che prevedeva la legatura delle vene del pene, dopo un momento di grande entusiasmo agli inizia degli anni '90, quando venne proposta negli USA, attualmente non viene più effettuata.
I risultati sono assolutamente sconfortanti, non ci sono prove della utilità di tale procedura chirurgica che peraltro continua ad essere praticata in qualche realtà ospedaliera o privata).
cari saluti
diego pozza
www.erezione.org
[#2] dopo  


dal 2008
Dr.Pozza non ho capito bene.Lei subito ha detto che per lei la chirurgia e' la soluzione migliore rispetto al caverject poi ha detto che la legatura delle vene non e' efficace,ci sono altre soluzioni chirurgiche efficaci?Alcuni autori parlano che e' ancora efficace(la legatura delle vene) altri no(e'per fare un favore alle case farmaceutiche?...).Con questo non voglio fare una critica ma e'per saperne di piu' di un problema serio
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gen.mo
prima di pensare ad un intervento chirurgico, approfondirei la diagnostica con un ecodoppler dinamico penieno che a quanto ci riferisce non gli è mai stato prescritto e che serve per una valutazione vascolare del suo pene.
Cordiali saluti
Dott. C. Maretti
www.andrologia-online.it
[#4] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore
L'intervento di legatura venosa offre dei risultati deludenti, sicuramente l'impianto protesico garantisce dei risultati immediati ma non è privo di possibili rischi e complicanze, vista la sua giovane età ed una buona risposta al Levitra non vedo perchè dovrebbe passare a terapie più invasive.
Cordiali saluti
Dott.Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
[#5] dopo  


dal 2008
Comunque non riesco a capire questa discordanza che c'e' a tutt'oggi sulla legatura delle vene,alcuni autori sostengono che un 50%hanno risultati duraturi e un 50% deludenti quindi c'e' una probabilita' su 2 di risolvere il problema che non e'poi cosi' bassa.In piu' non ho avuto risposta sugli effetti pericolosi dei farmaci viagra cialis levitra che fra 20anni non so come saro' ridotto dopo un'assunzione continuativa.So che esiste in commercio il caverject in capsule da inserire sotto il glande che pero' non e' commercializzato in italia.Vorrei sapere se e'efficace e piu' sicuro del levitra e il viagra che creano ipotensione e palpitazioni e se e' possibile acquistarlo ad es. a san marino con ricetta del mio medico di base
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

i risultati della chirurgia venosa, se riferiti "seriamente" hanno risultati positivi e duraturi nel 20% dei casi.
Altri dati sono "chiacchere".
Il Viagra, Cialis, Levitra sono dei vasodilatatori che non dovrebbero creare rilevanti problemi se assunti anche per lungo tempo così come non creano rilevanti problemi altri "vasodilatatori" che vengono assunti per decenni per curare la ipertensione arteriosa o la Ipertrofia Prostatica senza preoccupazioni particolari.
Il MUSE, PGE1 Intrauretrali in forma di micro supposte che vengono inserite nell'uretra è stato un tentativo di indurre una erezione senza effettuare una iniezione ( la sua scoperta ed utilizzo ebbe sviluppo negli USA durante gli anni del "panico da AIDS" dopo il 1985 ) utilizzando dosaggi di PGE1 da 250, 500 o 1000 mcg rispetto ai 5, 10 o 20 mcg delle PGE1 Intracavernose.
L'avvento dei Viagra, Cialis e Levitra hanno posizionato il MUSE come farmaco di "nicchia" solo per casi estremamente particolari
Cari saluti
[#7] dopo  


dal 2008
Il MUSE e' ricettabile in italia?O bisogna farselo ricettare all'estero oltre che acquistarlo?Se ci fosse la possibilita' lo proverei per alternare i farmaci orali;lei lo ha definito un farmaco di nicchia riservato a casi particolari,casi in cui non funzionano piu' i farmaci orali o altro?Puo' dare problemi piu' severi degli altri farmaci tipo priapismo e infertilita'o altro ancora?
[#8] dopo  


dal 2008
Capisco che forse l'ultima domanda non era del tutto pertinente ma e' la mia curiosita' di conoscere i prodotti a disposizione per poterli alternare sempre che questo sia possibile senza incappare in "fenomeni di non ritorno"del tipo se uso il caverject per un periodo poi torno al levitra quest'ultimo perde di efficacia per motivi sia psicologici che fisiologici comunque grazie lo stesso e buone feste
[#9] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

il Muse è in vendita a san marino, farmacia Andriani, dietro prescrizione medica
Le altre sue valutazioni sono molto personali
Si faccia seguire da uno specialista
cari saluti
[#10] dopo  


dal 2008
Prescrizione medica di un medico italiano o di uno di san marino?tutti questi prodotti muse, caverject,persino il levitra per non parlare del reflusso penieno dei relativi test per la diagnosi come l'ecocolordoppler dinamico eventuali problemi vascolari o metabolici(potrei essere un diabetico)sono tutte indagini che non mi sono mai state prescritte e le ho scoperte grazie ai vostri siti,gli specialisti che ho consultato senza fare alcuna indagine mi prescrivevano solo il viagra o il testogel (totalmente inefficace);il levitra l'ho scoperto grazie al mio medico di base che vista la mia delusione per il viagra(effetto poco duraturo)me l'ha prescritto.Forse per trovare uno specialista che mi spieghi il perche' ho questi problemi dovro' fare molti km....Io sono di reggio emilia,lei mi sa consigliare qualcuno anche delle province limitrofe che mi puo' eseguire tutte queste ricerche per avere una risposta definitiva del perche'soffro di impotenza a 32anni cominciata 5anni fa. Poi magari il levitra dovro' assumerlo comunque per tutta la vita ma almeno sapro' il perche'di cio' che finora non e' stato ricercato da chi l'avrebbe dovuto fare.
[#11] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore vada sul sito della società italiana di andrologia e consulti la mappa andrologica.
Cordiali saluti
Dott. Patrizio Vicini