Utente 215XXX
salve, ho 19 anni, all'eta' di 14 ho iniziato a soffrire di ginecomastia puberale bilaterale. Essendo anche in leggero sovrappeso dopo un dimagrimento ho notato una leggera diminuzione di tale fenomeno . Il dolore ai capezzoli c'è stato nel periodo dell'inzio della ginecomastia, per 2/3 mesi e poi piu' niente. Dopo 5 anni non mi è scomparsa del tutto, ho solo i capezzoli gonfi che protendono verso l'esterno. Ho svolto un ecografia e mi è stata diagnosticata una ginecomastia puberale vera . Ho inoltre svolto delle analisi ormonali dove i valori sono rientrati tutti nella norma a parte il testosterone libero troppo alto rispetto ai valori di rif. , di 2 punti maggiore. L'altro valore alto è stato l'estradiolo di 49.6 pg/ml . Nel referto c'era scritto che il valore è normale fino a 60 per un maschio ma informandomi su internet 49.6 è un valore gia' decisamente alto. Il fatto è che da due settimane ho iniziato ad avere dei dolori ai capezzoli, che alla vista sembrano ancora piu' allargati e sporgenti, sento un senso di fastidio continuo e anche al tatto mi sembra che sia aumentata la ghaindola, quando la tocco sento un dolore che prima non sentivo. inoltre l'areola è un po' piu' inscurita intorno. Penso che la ginecomastia non si sia fermata , forse anche a causa di un ulteriore aumento degli estrogeni. Tra le cause che ho letto proprio il testosterone libero in eccesso viene convertito in estrogeno e questo forse potrebbe essere la causa. Dalle analisi genetiche è tutto ok , cariotipo normale 46 xy, quindi anche un possibile disguido sotto quel profilo è da escludere. La cosa che mi fa preoccupare è questa ricomparsa dei dolori dopo ben 5 anni , e questo possibile aumento della ghiandola. Il mio endocrinologo mi aveva anche fatto fare delle analisi delle beta HCG per escludere, un malaugurato tumore ai testicoli che potrebbe causare ginecomastia. Il valore delle beta hcg è risultato nella norma. Inoltre ho svolto un ecografia testicolare e una visita urologica l'altra settimana ed è risultato tutto a posto. Il tumore ai testicoli si puo' diagnosticare tramite una semplice ecocolordoppler oppure c'è bisogno di esami piu' approfonditi?? Perchè da un po sento un appesantimento al testicolo destro che pare di diversa consistenza, questo nella visita non è venuto fuori quindi dovrei stare tranquillo ,ma il fatto che il problema della ginecomastia invece di diminuire sta continuando anzi peggiorando, mi rende molto preoccupato e credo sia legittimo che nascano delle preoccupazioni per tutto ciò in un individuo maschio di 19 anni , che di ginecomastia ormai non dovrebbe piu' soffrire.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

da quello che ci scrive, difficile pensare ad un tumore testicolare; un'attenta valutazione andrologica ed un'ecografia dei testicoli (con il relativo ecocolordoppler) negative per una sospetta neoformazione generalmente sono più che sufficienti per fare diagnosi e poi anche i marker negativi sono un'ulteriore dato tranquillizzante.

Invece per la ginecomastia bisogna sentire o risentire in diretta il suo medico di fiducia e poi a ruota il suo andrologo.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
L'ecocolordoppler è un esame sicuramente in grado di diagnosticare un eventuele tumore testicolare secernente estrogeni.Credo sia opportuno indagare,sotto la guida del suo endocrinologo,la funzione ipofisaria e surrenale per accertare se vi sia un'alterazione dell'increzione o del controllo degli estrogeni.Faccia anche un dosaggio,se ancora non l'ha fatto,della prolattina.Ci tenga informati.
[#3] dopo  
Utente 215XXX

Iscritto dal 2011
nelle analisi le HCG sieriche erano minori di 2 mUI/ml e il valore di rif. è 2
quindi diciamo che andavano bene? inoltre ecco il referto dell'ecografia allo scroto : I testicoli sono in sede, presentano regolare morfologia ed ecostruttura , come di norma gli epididimi. All'indagine dell'ecocolordoppler non si apprezzano alterazioni della vascolarizzazione e non evidenti segni di idrocele.
Ho svolto l'esame 1 settimana fa per una subtorsione (per fortuna andata a buon fine e il testicolo è tornato normale spontaneamente) del testicolo dx dove spesso provo un senso di indolenzimento leggero e un senso di pesantezza proprio li' . Non so se l'ecografia che ho svolto puo' essere utile... inoltre mi hanno visitato 2 urologi ma piu' per il fatto della torsione che di un eventuale massa tumorale durante la palpazione quindi non so se ci abbiano fatto caso o meno.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

una ginecomastia è frequentemente presente in soggetti sovrappeso senza essere legata a distorsioni o malattie ormonali.
cerchi di dimagrire, non faccia troppa attività di palestra (lo sviluppo dei muscoli pettorali tende a "spingere in avanti le mammelle rendendole più evidenti.
se si sente infastidito valuti l'ipotesi di asportare le ghiandole mammarie, Intervento semplice, e senza particolari inconvenienti
cari saluti
i
[#5] dopo  
Utente 215XXX

Iscritto dal 2011
vorrei solo sapere se da quelle analisi che ho fatto (che pero' erano x tutt'altro motivo , ovvero l'ecocolordoppler e una visita urologica pero' sempre legata alla subtorsione che ho subito) possano bastare per escludere un eventuale massa tumorale al testicolo oppure devo continuare delle visite e accertamenti?
[#6] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Quanto ha già fatto è più che sufficiente a escludere un tumore testicolare.Nella sua risposta però non vi sono riferimenti alle valutazioni presenti nel mio precedente intervento.In assenza di informazioni non possiamo darle i giusti consigli.A presto.
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ora si tranquillizzi e risenta, senza inutili ansie e furie, il suo urologo od andrologo