Utente 986XXX
Salve, da circa 3 mesi ho rapporti sessuali con il mio ragazzo, inizialmente abbiamo avuto piccoli problemi circa la sua convinzione alla scomodità del preservativo ma poi tutto è andato liscio. Da un po' di tempo però stiamo vivendo una situazione al quanto imbarazzante...in pratica i nostri rapporti durano poco a causa della sua precoce eiaculazione e nel riprovarci le volte successive la sua erezione è al quanto scarsa (senza preservativo però cambia radicalmente). A volte capitava che lui raggiungesse l'orgasmo prima di me ma poi nelle volte successive la durata del rapporto aumentava ed entrambi riuscivamo ad avere un orgasmo. Lui dice che anche in passato gli è capitato, nel senso che sono momenti in cui raggiunge subito l'orgasmo ma io in realtà mi sto un po' preoccupando oltre al fatto di sentirmi inappagata, il che mi spiace soprattutto perchè lo amo. Lui dice che ora si sente sotto pressione perchè avverte anche il mio stato d'animo.ieri i tentativi sono stati 3 e tutti con lo stesso risultato, la cosa che mi preoccupa è che lui dice di non avvertire neanche la sensazione dell'orgasmo nel senso che se ne rende conto quasi al momento.Devo preoccuparmi oppure puo' essere davvero un problema legato al periodo, insomma una parentesi?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Cara signora, certamente l'ansia "da prestazione" influisce notevolmente in queste circostanze. Le suggerisco un consulto andrologico per il Suo ragazzo per escludere che alla base del disturbo vi sia una infiammazione genitale e per inquadrare il problema nella sua interezza. Molto spesso un bravo andrologo è in grado di disinnescare almeno in parte un problema che sembra essere cresciuto durante la prima fase del vostro rapporto, verosimilmente legato a fattori emotivi e, comunque, sarà di notevole aiuto per risolverlo in via definitiva. Cordiali saluti
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettrice,


il dato che riferisce-che sembra già presente in passato- verosimilmente identifica una problematica situazione dipende che deve imparare a gestire con lo specialista.

approfitti perciò per effettuare una valutazione andrologica per capire come muoversi.

cordialità
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signorina,
considerato che i guai che noi andrologi passiamo sono spesso relativi al machismo dei nostri pazuienti, che non amano farsi visitare da noi, abituyi il moroso a ferquentarci, così come lei fa col ginecologo
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,

oltre alle corrette indicazioni già ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto e l'invito a sentire in diretta un esperto andrologo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su cosa è un'eiaculazione precoce, le consiglio di consultare anche l’articolo sempre pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html .

Un cordiale saluto.