Utente 217XXX
Salve,
il 4 agosto 2011 mi sono fratturato lo scafoide, giocando a calcio.
Ho tenuto il gesso fin sopra il gomito per 30 giorni, successivamente mi volevano mettere il gesso, ma per questioni personali ho preferito mettere un tutore che blocca il pollice e consente il movimento solo alle 4 dita restanti.
Dopo 45 giorni circa non sento più dolore. ma provando a togliere il tutore ho visto che ho il polso completamente bloccato e non riesco a muovere il pollice.
Cosa dovrò fare per riacquistare la mobilita? è buona cosa cominciare a fare della riabilitazione e Per quanto tempo dovrò farla?
Potrò ricominciare a fare palestra?

Ps: guardando le radiografie il mio scafoide si è fratturato quasi al centro. Che tipo di frattura ho? Distale, media o prossimale?
Non mi è stato detto dallo specialista.

Grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la sua frattura interessa il 3° medio dello scafoide, la cui prognosi è generalmente buona.

Lei parla di riabilitazione: ma il nuovo controllo radiografico ha evidenziato una completa riparazione dell'osso ?

In caso contrario, eviti assolutamente di muovere il polso e anche di ruotare l'avambraccio (prono-supinazione): il rischio è quello di una incapacità dello scafoide di ripararsi (pseudoartrosi), che poi richiede quasi sempre un intervento chirurgico.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 217XXX

Iscritto dal 2011
Dottore,
dall'ultimo controllo radiografico effettuato il 05/09/2011 i risultati erano i seguenti:
"L'indagine radiologica mostra gli esiti di frattura composta del corpo dello scafoide".

Il termine "Esiti" in medicina sta ad indicare la formazione di un callo osseo?

Possibile mai che dopo 50 giorni, senza alcun controllo o radiografia il medico abbia prescritto di togliere il tutore e cominciare a muovere il polso?
Non è meglio fare un Rx prima di muoverlo?

La ringrazio in anticipo e le porgo cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
La valutazione definitiva fa vatta dallo specialista: il termine "esiti" può voler dire tutto o nulla....

Se la frattura appare consolidata, bane.

In caso contrario, le ribadisco che non deve assolutamente muovere nè polso nè avambraccio (movimenti rotatori) fino a consolidazione avvenuta.

Molto utile è la magnetoterapia, soprattutto quella domiciliare, che può essere effettuata anche durante le ore notturne, per almeno 6-8 ore al giorno.

Buona domenica.
[#4] dopo  
Dr. Paolo Titolo
32% attività
0% attualità
0% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Concordo pienamente con le indicazioni del collega

per approfondimenti le consiglio l'articolo "le fratture di scafoide" :
http://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-della-mano/1036-frattura-scafoide.html

cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 217XXX

Iscritto dal 2011
Buon giorno a tutti,

le ultime radiografie effettuate evidenziavano che la "Frattura in fase di calcificazione".
Ho eseguito anche una visita fisiatrica, dove mi è stato indicato di effettuare 20 ore di fisioterapia.
Ho iniziato a farla ma dalla prima seduta ho notato che il polso è completamente bloccato, non riesco a muoverlo ed a fare forza nella mano.
Durante l'esecuzione di queste sedute e subito dopo il polso sembra acquistare mobilità, ma passata la notte tutto sembra tornare come prima (ossia si blocca di nuovo).
Volevo cortesemente sapere dopo quanto tempo si comincia ad acquistare una media mobilità del polso e dopo quanto tempo la frattura viene completamente riassorbita.
Basteranno 20 ore di fisioterapia??
Grazie in anticipo
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Quello che lei nota all'inizio di ogni seduta di kinesiterapia è assolutamente normale: durerà ancora per almeno un paio di settimane.

Deve comunque continuare gli esercizi che le sono stati assegnati e non si deve scoraggiare: i tempi possono essere anche lunghetti.

Non ragionerei in termini di sedute, in quanto anche lei deve continuare a casa a fare certi esercizi (una singola seduta al giorno, in genere, non è sufficiente).

Buona serata.