Utente 222XXX
Buongiorno Signori Dottori,
Non vorrei rubare troppo tempo ma porre una domanda secca e precisa.
Può essere normale e fisiologico la formazione di una fessura ( della grandezza del meato stesso ) sul glande o un glande sano non può e non deve produrre fessure?
Tale fessura non presenta sanguinamento o bruciori ma una lieve sensibilità marcata se toccata dentro.
Ne ho avuto la comparsa qualche giorno fa e dopo una visita dal medico di base mi è stato detto che è normale anche se prima non c'era...che il mio glande è cambiato e stop..
Parere quello del mio medico molto categorico.

Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile collega,


i dati che riporta non sono affatto chiari: si potrebbe riferire ad un meato accessorio ma che è tipicamente congenito?????

dalla visita dello specialista si capirà qualcosa in più

cordialità
[#2] dopo  
Utente 222XXX

Iscritto dal 2011
Salve Dottor Giovanni Maria,

non è un meato accessorio.
Non vi è fuoriuscita di nessun liquido.
E' apparso qualche giorno fa..ho 33 anni.
Ma come grandezza e fattezze è molto simile ( lo dico solo per renderle l'idea ).
Aprendolo ai lati si forma un solco profondo 1 millimetro circa.

Forse ero stato poco chiaro.

La mia domanda rimane valida.

Grazie
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

è necessario visitarla...per formulare la diagnosi


cordialità
[#4] dopo  
Utente 222XXX

Iscritto dal 2011
Dottor Giovanni Maria,

io ho posto una domanda precisa, non chiedo un "parere personale" ma un parere accademico e scientifico.
Cioè che risposta si trova su un testo Accademico di Andrologia.

Una situazione come la mia può essere fisiologica e normale oppure no?

E' tutto quello che vorrei sapere per capire meglio e regolarmi di conseguenza.

La ringrazio comunque..

Rilancio la domanda.

Spero che qualcun'altro voglia darmi una risposta.

Saluti
[#5] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Capisco la sua impazienza di sapere di cosa si tratti,ma le assicuro che a distanza è molto difficile formulare anche soltanto un'ipotesi,vista la stranezza della lesione e soprattutto il fatto che il problema è più di competenza dermatologica che andrologica.Difatti escluso un meato accessorio,cosa impossibile in quanto lo stesso è apparso da poco e non è congenito (al limite poteva trattarsi di una fistola),non vi sono altre possibili alterazioni di interesse andrologico in senso stretto.Pertanto la invito innanzitutto a non preoccuparsi più del dovuto,a controllare l'evoluzione della lesione ed a consultare un dermatologo.Buona fortuna.Ci tenga informati.
[#6] dopo  
Utente 222XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno Dottor Ernesto,
sto tenendo d'occhio questa fessura che a distanza di quasi 8 giorni rimane pressochè invariata.

In sostanza lei mi sta dicendo che come Andrologo ritiene questa piccola variazione del glande non patologica?

Quindi si può ritenere che nel corso della vita di un uomo il suo glande, anche sano, possa formare solchi buchi fessure e variazioni simili del tutto fisiologiche?

Non vorrei un parere di tipo dermatologico, ma un parere sul glande in quanto tale.
E quello non posso chiederlo al dermatologo.
Voglio solo sapere se variazioni di questo tipo in un glande sano sono possibili e normali nella vita di una persona o se al contrario c'è una causa scatenante in tutto ciò..



Uff..è possibile che nessuno mi capisce e mi dica un semplice si o no...o un "è possibile" o "non è possibile".

Rilancio la domanda.


Saluti
[#7] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Se la fessura di cui parla è come una ruga questa può dipendere da una maggiore o minore idratazione o da una alterazione distrofica della mucosa glandulare.In questo caso il dermatologo può prescriverle le opportune creme o lozioni.Noi andrologi non ci occupiamo di lesioni di questo tipo se non sostenute da evidenti infezioni associate o corregibili chirurgicamente.La invito nuovamente a consultare un dermatologo.A presto.
[#8] dopo  
Utente 222XXX

Iscritto dal 2011
Va bene adesso mi rivolgo ai dermatologi.

Grazie