Utente 412XXX
Buongiorno dottori egregi, da oltre 25 anni io ho un deficit uditivo neurosensoriale che va dal 40 al 60% e in tutti questi anni la mia perdita uditiva è rimasta più o meno uguale.
Faccio presente che non porto le protesi, non ce li ho proprio.
Circa 20 giorni fa ho fatto un esame audiometrico alla amplifon è mi hanno detto che se non metterò le protesi il mio udito è destinato a peggiorare ulteriormente, mi hanno detto che se non metto le protesi inevitabilmente verso i 40/45 anni la mia perdità udutiva scenderà verso il 70 % perchè senza protesi il mio udito si andrà atrofizzando.

Vorrei chiedervi, visto che mi sono spaventato e che l'otorino che mi segue non mi ha mai detto questo, se è vero ciò che mi è stato detto alla amplifon.

Sono ugualmente destinato a perdere ancora ulteriore udito verso i 45 anni anche qualora mettessi le protesi ?

Saluto cordialmente e ringrazio per il consulto e auguri di buone feste

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Marcelli
40% attività
4% attualità
16% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Gentile amico,
l'uso della protesi acustica non ha alcun effetto sull'eventuale peggioramento della sua soglia uditiva; se l'ipoacusia è destinata a peggiorare, la protesi non ne arresterà l'evoluzione.
Il problema, in effetti, non riguarda l'aggravamento "quantitativo" della sua soglia uditiva quanto il peggioramento "qualitativo". In pratica, anche se l'entità complessiva del suo udito non peggiorerà, purtroppo peggiorerà senz'altro la qualità, e questo perché la mancata stimolazione delle vie uditive e della corteccia uditiva cerebrale renderanno sempre meno "chiaro" il suo ascolto.
Pertanto, la protesizzazione acustica è fortemente consigliata.
Auguri