Utente 222XXX
Salve,
sono un ragazzo di 29 anni che mi hanno diagnosticato una neoplasia testicolare. Spero essere molto breve e non dare noia nel raccontare il mio problema quindi andrò direttamente con risultati e poi vi farò qualche domanda con la speranza che qualcuno mi risponderà!
Il risultato istologico : " Seminoma di tipo classico associato ad aree di neoplasia germinale intratubulare con focale diffusione pagetoide alle rete testis. Non evidenza di angioinvasione. Tonaca albugimea ,epididimo e limite resenzione del funicolo liberi da infiltrazioni neoplastiche. PROFILO IMMUNOISTOCHIMICO : OCT 3/4 + , PLAP + , CD 117 + , Citocheratina AE1/AE3 - , CD 30- , Beta HCG - , AFP - "
Risultato TAC total body (dopo l'intervento) : " Non lesioni focali del parenchima polmonare ed epatico. VB non dilatate. Pancreas , reni , surreni e milza nei limiti. Vescica regolare. Prostata regolare con piccole calcificazioni del parenchima. Presenza di piccole adenopatie ascellare subcentimetriche ed inquinali (inquine sinitro sotto ferita chirurgica si trova uno con diam 17 mm, ed inquine destro uno con diam 12 mm e 13 mm). Non tumefaziooni linfonodali nelle altre stazioni linfoghiandolari toraciche , addomino-pelviche ne retroperitoneali. Non versamento pleurico ne versamento libero in addome."
Ultimi markers : LDH 422 U/I ; Beta HCG 1 mUI/ml ; alfa-fetoproteina 1,93.
Ho anche gli altri risultati delle analisi del sangue "emocromocitometrico" ma non le scrivo perchè sono lunghissime , sono tutti nella norma.
Mi è stato detto che potrei fare un ciclo di chemio con carboplatino oppure di stare sotto sorveglianza con tutte le analisi (TAC , markers ed ecografia) ogni 2 mesi. Mi hanno detto tutti i pro e i contro di queste 2 opzioni e che è la mia scelta nel cosa fare. Vorrei un consiglio su cosa fare! Le recidive che potrei avere sono nel testicolo rimasto? (qui ho una paura tremenda, tutto fin ora ho superato con molta tranquillità, ma non saprei come potrei reagire a perdere l'altro testicolo...) quindi parlando di una posibile recidiva si parla solo nei linfonodi (toraciche , addomino-pelviche ne retroperitoneali) che si potrà curare con la chemio o anche nell'altro testicolo rimasto e che mi distrugerebbe completamente... Il carboplatino può portare tumori secondari (in un arco di tempo di 10-20 anni)? Restare cosi senza fare la terapia che rischi ho?
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

propenderei per una chemioterapia adiuvante. I rischi di tumori iatrogeni a distanza sono bassi. In un rapporto rischio/beneficio (considerando che non si parla di coinvolgimento dell'altro testicolo ma di recidive eventuali a distanza) propenderei per il breve ciclo di chemioterapia adiuvante. Suggerirei un ampio dialogo con gli oncologi curanti sviscerando tutte le problematiche e le paure connesse alle scelte da fare.

cari saluti
[#2] dopo  
Utente 222XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la risposta solo che non so quale sia la differenza di una chemioterapia adiuvante e una chemioterapia in se. Poi secondo Lei dovrò fare un solo ciclo o di più?
La ringrazio anticipatamente!
Buona giornata!
[#3] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

per chemioterapia adiuvante si intende il trattamento dopo la chirurgia a prevenzione di eventuali recidive. Due cicli di carboplatino saranno sufficienti ad aprire un ombrello protettivo più ampio.

Cari saluti
[#4] dopo  
Utente 222XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la breve risposta! Oggi andrò alla visita con i dottori e vedrò cosa mi dicono anche loro e deciderò anche se in gran parte ora so che devo fare
Cordiali saluti!