Utente 170XXX
Buongiorno,
sono una ragazza di 24 anni atopica (allergia a graminacee, acari, ambrosia, muffe con asma) e da 3 mesi soffro di reflusso gastroesfoageo con sintomi atipici (tosse, catarro, asma). Ho assunto per 3 mesi pantoprazolo 20 mg alla mattina per la cura del GERD e non mi ha mai dato problemi, circa 10 giorni fa ho dovuto assumere due cicli di ciproxin antibiotico per una infezione alle vie urinarie, 3 giorni dopo il mio gastroenterologo mi ha consigliato di prendere "vagostabil" (estratto di melissa, biancospino, magnesio) ma dopo due giorni dall'assunzione di quest'ultimo e precisamente 40 minuti dopo l'assunzione di pantoprazolo ho avuto una forte reazione allergica con edema alle labbra, rossore e prurito in tutto il corpo che si è risolto solo con l'interruzione di ogni farmaco, una iniezione intramuscolare di antistaminico e assunzione (a tutt'oggi) di zirtec una volta al giorno. In attesa di effettuare test-specifici per l'intolleranza ai farmaci, vorrei sapere secondo voi quale potrebbe essere dei 3 farmaci da me assunti la causa scatenante la rezione allergica. Sono molto preoccupata poichè a causa del Gerd non posso fare davvero a meno di assumere pantoprazolo. Vi ringrazio in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
Lei descrive di fatto un episodio acuto di orticaria con angioedema, ma il Suo racconto non fornisce elementi anamnestici sufficienti a formulare ipotesi.
In particolare, non è del tutto chiaro con quali tempistiche sono stati assunti i farmaci (e anche il Vagostabil) e se la "reazione" si sia esaurita (ha provato a sospendere l'antistaminico?): non darei per scontato che si sia trattato di una reazione ai farmaci.
Cerchi di ricostruire con il Suo allergologo l'esatta dinamica dei fatti, perché quelle informazioni sono veramente utilissime; sarà poi dirimente l'eventuale esecuzione del/dei test di provocazione (preceduto/i da test cutanei caratterizzati da una scarsa "affidabilità").
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 170XXX

Iscritto dal 2010
Grazie Dottore,
volevo dirle che ho effettuato non più di 4 o 5 mesi fa i test alimentari e sono negativi. Per quanto riguarda le tempistiche esatte :
-assumo Pantoprazolo dal 30 giugno
-ho assunto ciproxin dal 29 agosto al 4 settembre e in seguito dal 13 al 16 settembre
-ho assunto vagostabil il 16, il 17 e il 18 settembre
La reazione l'ho avuta domenica 18 settembre, tutt'oggi ho ancora qualche prurito, il medico di base mi ha detto che potendosi trattare di un farmaco il prurito che avverto non cesserà immediatamente. Lei cosa pensa? Che possa trattarsi di quale altro agente? La ringrazio di nuovo.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Mi spiace, ma il quadro non è ancora chiaro.
Non ha sospeso il pantoprazolo? Quindi dal 18 settembre assume pantoprazolo e Zirtec? Ha provato a sospendere lo Zirtec? Ha solo prurito oppure il sintomo è accompagnato da qualche eruzione fugace? Il prurito è presente in particolari momenti?
[#4] dopo  
Utente 170XXX

Iscritto dal 2010
Il pantoprazolo (come da consiglio del medico) è stato sospeso. Sto assumendo solo zirtec, ma avverto talvota ancora del prurito diffuso, quasi come una sensazione di puntura di spilli. Non ho alcun tipo di eruzione, nessun pomfo, salvo una specie di rigonfiamento sul viso sottopelle (grande più o meno come una monetina da 1cent) apparsa e scomparsa nel giro di 24 ore, questa era incolore, e in quel punto avvertivo poca sensibilità al tatto, quasi un brufolino sottopelle, non so se si possa ricondurre all'allergia. Ad ogni modo sono preoccupata che possano sopraggiungere reazioni anafilattiche più importanti.
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Al di là della sensazione personale, è ancora troppo presto (considerando anche l'assenza di recidive spontanee) per azzardare un'ipotesi.
Se è sicura che non ci sia una relazione con alimenti piuttosto che con farmaci, siamo certi che non rischia l'anafilassi (cosa che peraltro non ha avuto): anche se (e sottolineo se) si fosse trattato di una reazione allergica a un farmaco di quel "cocktail", ormai non li assume più - né li assumerà se non nell'ambito dei test allergologici che si effettuano in ambiente "controllato", cioè sicuro.
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 170XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio molto Dottor Marchi, farò al più presto ulteriori accertamenti. Saluti
[#7] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Prego.
Saluti,