Utente 198XXX
Gentili medici

Mi sono rivolto dal curante per un esame dello sperma in quanto presenta un aspetto poco consistente e un colore chiaro opalescente invece di essere più denso e tendente al bianco come di norma.

Lui mi ha detto che dovrei sospendere la terapia con Domperidone che attualmente sto eseguendo causa reflusso poiche un eventuale aumento della prolattina indotto dal farmaco potrebbe causare alterazioni della qualità delle cellule spermatiche.
Pertanto anche a causa di una lieve infiammazione alle basse vie urinarie mi sono fatto prescrivere al momento la spermicoltura oltre alla urinocoltura.
L' esito è risultato positivo per Eschericia Coli a 100000, leucociti e rare emazie.

L' esame delle urine è risultato negativo, mentre la urinocoltura ha evidenziato E. Coli 20000 UFC/ml ed Enterococco Faecalis 10000 UFC/ml.


Secondo il mio curante queste infezioni nell' uomo hanno origine prettamente sessuale, mentre nella donna sono possibili infezioni anche in assenza di attività sessuale.
Attualmente non ho rapporti non protetti e non ho una partner: è possibile che la causa di questi batteri dipenda dal mio intestino irritabile (colite)??
Secondo un medico di questo sito che mi aveva risposto tempo fà gli squilibri intestinali possono favorire le infiammazioni delle vie urinarie, cosa che invece esclude il mio curante.
Che tipo di accorgimenti devo intraprendere visto che non ho sintomi particolari in atto, ma come ho detto solo un lieve bruciore alla "punta" del pene dopo l' atto della minzione?
Il medico non mi ha prescritto terapie.

GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Sono entrambi batteri di origine intestinale e quindi possono provenire dall'intestino ed essere presenti nelle urine.Questo non significa che vi sia una vera infezione urinaria in atto;questa richiederebbe una carica batterica molto maggiore e comporterebbe sintomi più gravi.

Peraltro il Coli è presente anche nello sperma e questo richiede una terapia antibiotica per prevenire un suo ulteriore sviluppo nelle vie seminali.

In conclusione sotto la guida del suo curante,può farsi prescrivere una terapia dell'infezione seminale e dell'alterazione intestinale di cui soffre.

A presto.
[#2] dopo  


dal 2011
Gentilissimo Dr. Ernesto Fina.

Quanto a terapie antibiotiche come detto non mi ha prescritto niente il curante, ma mi fa prendere i fermenti lattici che pertanto li sto già assumendo in bustine e in farmacia mi hanno consigliato anche un prodotto a base di lisati batterici in flaconcini (non so se posso nominare il nome commerciale) di cui non necessita di prescrizione e come ho visto non presenta effetti collaterali o interazioni
Lo sto già assumendo anche quello tre volte al giorno e servirebbe per aumentare le difese organiche nei confronti di batteri intestinali responsabili di dismicrobismi.

Nel caso parlerò col medico per vedere se mi prescrive un antibiotico.


GRAZIE
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
caro utente, confermo che i disturbi intestinali possono essere causa di infiammaizione all' apparato genito urinario, in oltre i batteri isolati dagli esami sono tipici di ch ha disturbi in tal senso, pertanto il consiglio è di sottoporsi a visita urologica con eventuale ecografia
[#4] dopo  


dal 2011
Gentile Dr Giuseppe Quarto: quindi quella che chiamiamo colite potrebbe essere un dismicrobismo del colon e questo favorire le infiammazioni alle vie urinarie.

Già che sono vorrei un altro chiarimento:
un uomo quando pratica attività sessuale (anche masturbatoria) per essere considerato normale deve avere erezioni al 100% oppure può essere considerato fisiologico anche avere erezioni minori?

Spesso mi capita di avere erezioni in cui il pene pur potendo penetrare si può piegare con una mano in quanto non è mai duro al 100% e presenta anche un certo sbandieramento ai movimenti del corpo ed inoltre perde rapidamente l' erezione in assenza di stimoli manuali.
Non riesco più ad avere erezioni sotto stimoli visivi come da ragazzino e per mantenere l' erezione mi servono stimoli meccanici, appunto l' atto del rapporto stesso.
Ho eseguito numerosi esami del sangue e anche ecografie e risonanza magnetica sotto prescrizione di un andrologo, ma non sono emersi problemi anche se l' andrologo non esclude al 100% un problema vascolare.

Tutto sommato: è normale poter avere rapporti sessuali pur scontando una erezione al 100%, oppure un uomo deve sempre avere erezioni perfette?

GRAZIE
Cordialmente