Utente 172XXX
Egregi dottori buona giornata,

Terminata l'operazione di colecistectomia laparoscopica, ovviamnete dopo un pò di giorni ci sono dei punti di sutura da togliere, e questo è quello che ho fatto.
Passato ancora qualche giorno, nel lavarmi sento che nell'ombellico c'è qualcosa che punge, ad una approfondita visione trovo un punto di sutura ormai quasi conglobato nella ciccia carne, torno dal medico, un paio di volte, visto che c'è sempre pieno di gente, vado alla guardia medica dove neppure entro dalla gente che c'è, poi per una stupidata del genere...
morale invece di aspettare una giornata in sala d'attesa o rompere dove c'è chi sta più male di me, ho deciso, me lo tolgo, vista poi la facilità con il quale il medico ha tolto gli altri.
Anche se stavolta è già conglobato nella ferita praticamente chiusa, mi son detto, un piccolo taglietto non mi fara morire.
Indi disinfetto alla vecchia maniera forbicine ecc. ed opero, pizzico la ferita un poco alla volta, qualche accidente, fintanto che il filo viene rimosso, il tutto disinfettato cerottino e via.
In verità mi pare di individuare ancora un piiiiccolissimo puntino, spero sia solo fantasia.
E' appunto di questa azione che voglio chiedere spiegazioni, aldila del gesto che sicuramente voi non apprezzerete:
se questo filo rimaneva dove stava cosa succedeva?
era compatibile, conglobabile, nella mia panza essendo, credo, nylon oppure un altro composto molto resistente?
Questa domanda solo per capire se potevo anche fare a meno, se potevo lasciare il punto dove era.

Distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non sarebbe successo nulla in questo caso . Ecco perchè è scarso l'apprezzamento per il suo compiacimento
da "piccolo chirurgo" (la mente va ad altri pazienti che si sono procurati guai ben più gravi con il "fai da te").

Ormai è fatta, ma perchè ci scrive....per avere la nostra approvazione ?
[#2] dopo  
Dr. Vincenzo Adamo
32% attività
0% attualità
12% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Gentile utente, complimenti per essere riuscito da solo a togliere un punto all'interno dell'ombelico. La prossima volta però le consiglio di farlo fare da un medico.
Ha fatto molto bene a toglierlo in quanto il punto di sutura se non rimosso e soprattuto all'interno dell'ombelico puo' andare incontro ad infezioni o formazioni di granulomi da corpo estraneo.
Cordiali saluti!
[#3] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2006
Dott.Catania, chissà dove ha trovato... compiacimento ... nel mio scritto, ho fatto anche tanta fatica a non esprimere, il mio risentimento verso chi si è dimenticato di togliere il punto, che era li davanti al naso certamente più visibile che da parte mia. Cosi colgo l'occasione, senza risentimento, di dirla quasi tutta, nei 10 secondi che mi ha dedicato sicuramente non poteva fare di più, certo che toglierlo "poi" quando era già abbastanza "conglobato", un pensierino di riconoscimento in verità l'ho fatto.
Comunque sia le assicuro che non era mio intento cercare la vs approvazione.

Se non mi sono spiegato, mi scuso, ma il vero senso del mio scritto era di capire...
che la mia azione sia stata una cavolata era scontato, difatti ho scritto che non avreste apprezzato, anche se determinata da alcuni fattori, non meno il grande giramento di zebedei, passare da un semplicissimo "sfilamento" al tagliuzzare per fare lo stesso gesto, non è certo la fine del mondo, ma insomma...via un pò girano.

Dalla risposta del Dott. Adamo, ora so che andava tolto, capisco che devo togliere anche quel puntino che mi pare di vedere, ovviamente andrò dal medico, basta una di cavolata.

Vi ringrazio, cordiali saluti.
[#4] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Lo scopo della mia osservazione non era rivolta a Lei ma ad altri utenti che leggono e che nella nostra osservazione quotidiana con il "fai da te" si provocano danni più gravi.

Era un monito a pratiche "ingannevolmente facili".
Comunque mi scuso con Lei se l'ha visto, oltre le mie intenzioni, come un rimprovero.
[#5] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2006
Ma quali scuse dottore, ci mancherebbe, le assicuro che non l'ho preso come un rimprovero.
Ho 63 anni e una delle poche cose delle quali sono certo è che lo scritto è molto spesso fonte di malintesi, ad esempio, basta che sia una giornata storta che si interpreta tutto nero e cosi via.

Tutto a posto cordiali saluti