Utente 526XXX
Gentili dottori,Sono un ragazzo di 20 anni,
da molto tempo presentavo sui glutei una macchia circolare,di colore biancastro, di circa una centimero e leggermente depressa,recandomi da un dermatologo questo mi disse che si trattava di anetodermia,di non preoccuparmi e che non si poteva intervenire in nessun modo.
Dopo una più attenta analisi ho notato però che quelle macchie erano più numerose circa 6,la mia preoccupazione è che queste possano aumentare di numero e grandezza, inoltre circa 3 mesi fa mi era stato riscontrato un inizio di lichen sclerosus al pene,volevo sapere se ci può essere una correlazione tra le due patologie,se posso fare qualche controllo per questa anetodermia, e se esistono modi perprevenire l'insorgenza di nuove macchie.
Vi ringrazio e spero in un vostro celere consulto.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
L'anetodermia (dal greco dito: ovvero dito che entra nella pelle) è una situazione a carico del comparto dermico caratterizzata da una lassità delle fibre connettivali.

Essa pertanto non può essere definita come patologia ma come segno dermatologico: l'aggiunta del Lichen sclerosus e l'aumento numerico delle lesioni, seve comunque e senza ansie immotivate indurla a programmare una nuova visita dermatologica per aggiornare la situazone.

cari saluti
Dott. Luigi LAINO
Ricercatore Dermatologo e Venereologo, Roma

[#2] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente le anetodermie si caratterizzano per la perdita di tessuto elastico e si caratterizzano dal fenomeno di erniazione alla palpazione(dito che entra nella pelle come ricorda il collega Laino)
Nella diagnostica differenziale rientrano le atrofie maculose (dove il fenomeno di erniazione manca)e tra le altre anche il lichen sclerosus.Pertanto si ridetermini con il suo dermatologo che in caso di dubbi potrebbe proporgli anche una biopsia sul confine tra cute sana e cute lesa per ottenere una diagnosi certa.
Cordiali Saluti e buon 2008
Dr.Alessandro Benini