Utente 521XXX
Egr.gi Dottori il 19/11/2007 ho subito un intervento per frattura del Tendine di Achille e porto ancora uno stivalett di gesso, a pochi giorni dall'intervento o inniziato a notare questa mia impotenza che continua a tuto oggi, non mi era capitato mai fino ad oggi,i chiedo per favore di darmi una risposta cosa posso fare,potrebbe essere stato una conseguenza dell'anestesia?,e una cosa normale che passera da sola o devo fare degli analisi. Vi ringazio tutti anticipatamente chiedendovi una risposta percercare di tranquilità specialmente in questi periodi di feste.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore non vi è alcuna correlazione tra la frattura ossea che ha avuto e la disfunzione erettile in genere legata ad altre patologie organiche o psicologiche.
Cordiali saluti
Dott. Patrizio Vicini
[#2] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
caro lettore , in genere una insorgenza improvvisa di una disfunzione erettile riconosce una causa psicologica, comunque questa può essere l'occasione per effettuare una visita andrologica durante la quale lo specialista potrà assicurarla sul suo stato di salute sessuale.

Cordialità e buon anno.

M Castiglioni
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,dalle nostre parti (e non solo) si usa dire "...che non vuole pensieri"...Si ricordi che la funzione erettile é la risultante di un complesso meccanismo che prevede un equilibrio integrato neuro-vasculo-ormonale su cui riverberano componenti psichiche,relazionali e comportamentali...Sinceri auguri per un "dinamico" 2008...!
[#4] dopo  
Utente 521XXX

Iscritto dal 2007
Egr.Dott.Izzo la ringrazio per la sua cotese risposta e disponibilità
come ringrazio il Dott.Vicini e Castiglione delle precedenti risposte.
Quindi come voi dite è solo un problema psicologico era quello che volevo sentire, io avevo pensato ad un problema da attribuire all'anestesia dell'intervento,ormai sono circa 40giorni che sono chiuso in casa,uscirò per potermi distrarre e non pensare solo ai problemi del lavoro e della mia ripresa. Vi ringrazio di cuore resto in attesa se ci fossero altre risposte per me, Augurandovi un felicissimo 2008 a voi e famiglia e a tutto lo staff Medicitalia.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
anch'io, con gli illustri colleghi che mi hanno preceduto, concordo su una non correlazione tra il suo problema sessuale e l'anestesia secondaria all'intervento che ha subito e quindi ad una possibile componente psicologica , funzionale del suo disturbo. Comunque, se posso aggiungere un altro consiglio a quelli già da lei ricevuti, per avere più informazioni dettagliate su questo tema, può anche consultare l'articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450
Un cordiale saluto e tanti auguri anche da parte mia per un felice e sereno anno nuovo.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#6] dopo  
Utente 521XXX

Iscritto dal 2007
Egr.Dottori Buon Anno e vi ringrazio sempre per la vs. squisita disponibilità, Dott. Beretta, dalla mia ultima replica fortunatamente seguendo i vs.consigli prententomi qualche ora di svago uscendo di casa tutto e si è risolto ritornando come prima,aggiungo questo grazie anche a voi che quoditianamente ci aiutate con i ns problemi che in certi casi ci sembrano macigni, siete dei veri angeli custodi della salute, Dio vi renda sempre il meglio che la vita possa offrirvi.