Utente 126XXX
salve dottori,
a fine agosto abbiamo scoperto che mio padre(61 anni) ha il tumore al polmone.
ha fatto vari esami tra cui l'ultimo (pet) e il risultato è questo:
esame effettuato dopo 50 minuti circa dalla somministrazione per via endovenosa del tracciante radio metabolico in condizione di digiuno eseguito con tecnica w3 ha evidenziato aree di intensa attività metabolica in corrispodnenda di:
- regione ilo retroilare pomone destro
- multipli ispessimenti pleurici apico parieto basali postero laterali di destra
- piccolo ispessimento pleurico del segmento anteriore del lobo superiore del polmone destro
- parete muscolare posteriore emitorace destro
- linfonodi a sede pre e para tracheale inferiore destra, carenale e sotttocarenale
- surrene destro.

si segnaalno inoltree aree ipermetaboliche in corrispondenza di mutlitpli segnmenti scheletrici:
processo trasverso della 7 vertebra cervicale, margine superiroe scapola sinistra, estremità mediale clavivola destra, soma della 8 e 11 vertebra dorsale, soma della 1 e 2 vertebra lombare, ala iliaca destra, emisacro destro, pilastro anteriore dell'acetabolo destro..

i medici ci hanno detto che ci sono metastasi e che nn ci sono speranze di recupero.
confermate questa tesi? quanto tempo potremmo allungare la sopravvivenza?
[#1] dopo  
Dr. Francesco Inzirillo
36% attività
0% attualità
12% socialità
SONDALO (SO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Gentile utente
è difficile rispondere alle sue domande per via telematica.
Le indagini clinico-strumentali andrebbero viste e studiate e per ciò che riguardfa la sopravvivenza essa è molto variabile in rapporto a fattori numerosissimi. Possibilità di eseguire terapie, condizioni cliniche generali, tipo istologico del tumore.
Certamente la presenza di metastasi non è affatto una bella cosa e rende la prognosi infausta.