Utente 223XXX
Salve dato che la mia ragazza è risultata allergica (non in forma grave) alla proteina contenuta nella saliva del gatto, vorrei sapere se esiste cura che non sia banalmente cacciare il gatto fuori di casa oppure schiumargli il pelo).

Avevo letto qualche anno fa di un vaccino sperimentale in USA, che sfruttava la GFD (gamma Feline domesticus), per inibire la reazione allergica.

Inoltre, e vi prego di dare risposta, vorrei sapere la vostra opinione sul farmaco distribuito da Lofarma chiamato "Lais Gatto Compresse". Questa è la descrizione che mi hanno fornito in privato: "Si chiama "Lais Gatto compresse" e va assunto perennemente per almeno 3 anni. Il costo è di circa *** euro l'anno. Comincia ad agire dopo 6-12 mesi con un meccanismo di tipo immunologico (aumenta i linfocitiT regolatori)."

Grazie dell'Aiuto,

Saluti,

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buonasera.
Come ha ben capito, la terapia - che, seppur banale, è l'unica sicuramente efficace, per cui non la sottovaluterei - consisterebbe nell'allontanamento dell'animale; tuttavia per questioni affettive spesso non è praticabile.
E' sempre possibile curarsi con la classica terapia farmacologica ed eventualmente decidere per l'immunoterapia, che è offerta da numerose aziende. Appare chiaro dalla vasta letteratura scientifica a riguardo e dall'esperienza personale di tutti noi che i vaccini antiallergici, se prescritti correttamente, generalmente funzionano; non è possibile però fare chiare previsioni nel singolo.
Cordialmente,